Fastweb porterà il 5G nelle città senza fibra attraverso 2.000 antenne

La marcia verso le tecnologie 5G continua. Fastweb, dopo essersi aggiudicata le frequenze 26 gigahertz per 32,6 milioni di euro nel corso dell’asta organizzata dal governo, ora dichiara di voler raddoppiare le connessioni in banda ultralarga entro il 2024. In che modo? Attraverso il fixed wireless access (fwa), un sistema misto fisso-mobile che permetterà alla compagnia di cablare le città medie e piccole che ancora non sono ancora coperte dalla fibra. Il progetto partirà a giugno da Bolzano e in sei anni raddoppierà le aziende e imprese coperte, portandole dagli attuali 8 milioni a 16 milioni. Il fwa, dunque, permetterà le prime comunicazioni in 5G alle utenze fisse. Il sistema consisterà, in sintesi, in un cavo che, dalla dorsale in fibra, sarà tirato fino a un’antenna, che a sua volta trasmetterà il segnale a un piccolo dispositivo installato all’esterno delle abitazioni. “Fino a 500 metri consente una performance di 1 gigabit al secondo con prestazioni assimilabili alla fibra classica, e con punte fino a 4 gbps” ha spiegato l’amministratore delegato di Fastweb, Alberto Calcagno.

Per completare il piano serviranno duemila antenne: Fastweb ne possiede già 800, anche se non tutte potranno essere utilizzate per l’offerta in fwa. Alcune potrebbero essere installate in cima ai condomini dove la compagnia di telecomunicazioni ha già gli armadi. Ma per molte, l’azienda dovrà necessariamente chiedere ospitalità alle aziende delle torri. A breve, dunque, è probabile che si apriranno importanti trattative.