Fiorello per Sky Italia

Ingannevoli, le pubblicità che promettono regali sono ingannevoli. Lo sanno bene sia Sky che Mediaset, sanzionate rispettivamente dall’Antitrust e dal Giurì di autodisciplina pubblicitaria per le loro campagne adv. Nel primo caso l’Agcm, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, ha inflitto all’emittente satellitare una multa di 150mila euro per aver diffuso spot «non confermi alle regole in materia di corretta comunicazione». Sotto accusa la promozione “Christmas Box” all’intero campagna “Regalati Sky e Sky ti regala il calcio”. Sky avrebbe presentato la propria offerta «a soli 29 euro al mese» senza comunicare in maniera chiara le condizioni, impedendo così al consumatore di comprendere le reali condizioni economiche e le caratteristiche dell’offerta pubblicizzata quali, ad esempio, il prezzo mensile applicato solo per un preciso periodo di tempo, gli oneri da sostenere al momento della sottoscrizione dell’offerta (costo di attivazione e di installazione della parabola) e il periodo di validità dell’offerta stessa.

Per quanto riguarda Mediaset, invece, la sanzione arriva dal Giurì di autodisciplina pubblicitaria, su sollecitazione della stessa Sky. Nel mirino la campagna “Prova Mediaset Premium gratis”. Per il Giurì qui Mediaset sarebbe colpevole di aver promesso qualcosa che non c’era, una prova gratuita che nella realtà si trasformava in un abbonamento dal costo di 39 euro al mese.