Adidas ha fatto bingo il 16 marzo scorso durante il derby vinto dal Milan sull’Inter per 3-0, utilizzando la facciata esterna dell’impianto come maxi schermo per lanciare i nuovi spot adv.

Stadi, maglie da calcio e pesci d’aprile. Sono i tre elementi di questa nuova puntata della rubrica “Spor&Comunicazione”, dove vengono selezionate le migliori (o anche le peggiori) idee a livello mondiale nel settore del marketing sportivo. Adidas, per esempio, ha bucato lo scorso 16 marzo in occasione del derby vinto dal Milan sull’Inter per 3-0, utilizzando la facciata esterna dell’impianto come un maxi schermo per lanciare i nuovi spot adv. Tim ha scelto invece le micro-sponsorship all’interno dei numeri delle divise per legarsi ad alcuni tra i più importanti club verde oro di calcio. Pollice verso invece per il pesce d’aprile che ha coinvolto involontariamente il marchio Amazon.com, collegato per scherzo alla titolazione della nuova Coppa America di vela. Anche se c’è l’alibi del 1° aprile.

San Siro diventa un media per Adidas
Uno stadio (San Siro) trasformato, in occasione di Milan-Inter (derby del 16 marzo scorso), in un maxi schermo per promuovere la campagna di comunicazione globale “Adidas is all in”. È l’idea innovativa, soprattutto per il mercato italiano, dello sponsor tecnico dei rossoneri, che ha saputo valorizzare la “Scala” del calcio utilizzando l’impianto con una modalità mediatica fino ad oggi mai esplorata. La parte esterna di San Siro (lato tribuna rossa) è stata utilizzata come sfondo per una proiezione monumentale, accompagnata dall’audio della canzone dello spot Civilization dei Justice. Nella fascia superiore della facciata sono state proiettate tre versioni del nuovo commercial: il 60”, il 30” e una speciale versione 30” completamente dedicata al Milan. Nella parte inferiore, poi, sono state inserite fotografie in linea con i volti dei testimonial-Adidas come Lionel Messi, la cantante Katy Perry, la star della NBA Derrick Rose e il capitano degli All Blacks Richie McCaw.

Tim Brasil lancia la micro-sponsorship sulle maglie
Comunicare puntando su opportunità di visibilità “micro”. È l’idea dell’agenzia Armosia, che ha spinto Tim Brasil a investire nel calcio verdeoro, apponendo il logo commerciale all’interno del numero di maglia. Ad oggi sono contrattualizzate Corinthians, Palmeiras, Internacional, Gremio e Flamengo. La sponsorizzazione nel numero è strategica rispetto a tutte le azioni di marketing e promozione che verranno intraprese dai club (a partire dal merchandising) ed è un’assoluta novità nel mercato mondiale delle jersey-sponsorship.

Amazon.com-America’s Cup: la sponsorship è un pesce d’aprile
Lo scorso 1° aprile la vela è stata toccata da un terremoto mediatico. Il portale Vsail.info, infatti, ha dato per primo la notizia della titolazione della prossima America’s Cup (la Formula Uno della vela) da parte del colosso americano Amazon.com. Una notizia che ha fatto il giro del mondo, ripresa dai più importanti siti del settore. Tutta l’operazione però era un pesce d’aprile, che ha regalato (ma bisogna capire poi fino a che punto) ore di visibilità al brand Amazon.com, prima che la notizia si sgonfiasse da sola.