La consegna del 1° premio della categoria Literature Design, da sinistra: Pietro Barone, Gianpino Napolitano e Gianfilippo Napolitano, rispettivamente art director, head of graphic design e Ceo di Movie&Arts

Un’occasione per mettere in evidenza tendenze e scenari del mondo della comunicazione visiva emersi nel 2012 e per riconoscere le realtà che nel corso dell’anno si sono distinte come le più creative. Ma anche un modo per stimolare la continua ricerca e sperimentazione di creatività nel brand design, settore importante per le aziende che voglio farsi conoscere, distinguersi e, soprattutto, vendere in uno scenario di calo dei consumi come quello attuale.
Ecco spiegata la “mission” del Brand Identity GrandPrix, premio ambito nel settore e ormai giunto alla 18esima edizione, che quest’anno ha aperto le iscrizioni a tutte le agenzie internazionali e ha istituito il Premio Arte e Culture della Comunicazione. Ad aggiudicarsi questo primo riconoscimento è stato Ugo Nespolo, pittore e scultore di fama internazionale che coniuga l’arte figurativa con altre forme di espressione, tra cui il cinema, il teatro, la letteratura e la comunicazione. Oltre a lui, la manifestazione organizzata da Tvn Media Group ha consegnato ben tre riconoscimenti a Rossetti Design (premio “Celebration Packaging” per le confezioni dell’Acqua Panna S.Pellegrino di Nestlé Waters, premio “Own & Private Label Packaging” per quelle del Selex Gruppo Commerciale e premio “Food packaging” per quelle della Tenuta Venterra dell’Azienda Agricola Antonella Ferrara) e Lumen (premio “Corporate & Brand Identity” per le Pentole TVS, premio “Packaging for Cosmetics” per Korff dell’Istituto Ganassini e premio “Packaging for Hygienic Products” per Omino Bianco di Bolton Manitoba).
Due riconoscimenti sono invece stati consegnati a Movie & Arts (premio “System Identity” per la pubblicità ideata per Abiservizi e premio “Literature Design” per quanto ideato per Pietro Barbaro) e Cooee Italia (premio “Product Identity” per Nyco&Tyna di I-Products e premio “Digital design” per Kio di Industrie Polieco).
A consegnare questi e gli altri riconoscimenti, una giuria d’eccezione: presieduta de Arturo dell’Acqua Bellavitis (professore ordinario di Disegno industriale, preside della Scuola del Design del Politecnico di Milano, presidente della Fondazione Museo del Design Triennale) era composta dal gotha del settore.

I vincitori del GrandPrix 2012