Mediaset: semestre in flessione

© Mediaset

l primo semestre 2020 di Mediaset vede ricavi netti a quota 1,16 miliardidi euro (1,48 miliardinel primo semestre 2019), costi complessivi in calo a 1,13 miliardida 1,29mld) e un risultato operativo (Ebit) pari a 31,7 milioni di euro (da 191,6 milioni). Negativo l’utile: -18,9 milioni, contro i 102,7 del primo semestre 2019. I risultati sono chiaramente influenzati dal forte rallentamento della raccolta pubblicitaria come conseguenza del lockdown sia in Italia e in Spagna.

“I risultati del semestre non hanno subito un calo proporzionale alla diminuzione dei ricavi pubblicitari. L’impatto del lockdown è stato decisamente attenuato dalle tempestive azioni di contenimento dei costi”, spiega la nota del gruppo. In particolare, i ricavi netti in Italia risultano pari a 791,3 milioni di euro (un miliardo nel primo semestre 2019), quelli in Spagna sono calati dai 482,5 milioni dello stesso periodo 2019 a 375,1. Dopo il +2,1% nella raccolta pubblicitaria registrato nei primi due mesi dell’esercizio in Italia, i ricavi pubblicitari si sono fermati a 744,2 milioni (985,2 nel primo semestre 2019). In flessione anche la pubblicità in Spagna: 325,1 milioni (da 472,9). Negativo l’Ebit in Italia: -57,6 milioni rispetto ai 39,3 del semestre 2019. In crescita, in linea con le tendenze internazionali, gli ascolti di Mediaset nel semestre, con il 34,5% nelle 24 ore e il 36,5% nel prime time sul target commerciale.

Il secondo semestre dovrebbe vedere risultati in graduale miglioramento, ma molto dipenderà dall’evoluzione della pandemia: “Qualora nelle prossime settimane le condizioni dell’emergenza sanitaria non richiedessero ulteriori misure restrittive e si verificasse l’atteso consolidamento della situazione economica generale, i risultati economici del gruppo nel secondo semestre dovrebbero gradualmente migliorare rispetto a quelli dei primi sei mesi dell’esercizio”.