Investimenti, i Lego rendono più dell’oro

© Pixabay

I mattoncini Lego, i celebri set da costruzione che appassionano migliaia di bambini e non solo, possono essere un investimento più che redditizio. Secondo uno studio realizzato da Victoria Dobrynskaya, docente alla Scuola superiore russa di economia, e ripreso poi da Bloomberg , alcuni pezzi negli anni si trasformarono in veri e propri tesori. Sul mercato dei collezionisti, certi set arrivano a valere anche fino a 600 volte il prezzo d’acquisto, ossia più dell’oro. Un esempio estremo? Quello di un kit per Star Wars Darth Revan che nel 2014 costava 3,99 dollari, ma che poi è andato su eBay a 28,46 dollari, con un guadagno del 613%.

I set Lego più piccoli fruttano di più

Secondo la professoressa Dobrynskaya, che ha analizzato 2.300 serie vendute dal 1987 al 2015 con lo scopo di misurare il loro ritorno nel tempo in termini di prezzi, le collezioni utilizzate per i castelli di Hogwarts e i combattenti stellari Jedi sono riuscite addirittura a superare titoli azionari e obbligazioni statunitensi a larga capitalizzazione, realizzando un rendimento dell’11% all’anno. In linea di massima, i kit più piccoli sono più fruttuosi: nel campione preso in esame, infatti, sono aumentati di più di quelli di media grandezza. Ovviamente, i migliori in assoluto dal punto di vista dei rendimenti sono i kit fuori produzione: per esempio, il Gronchi Rosa che nel 2007 è stato venduto a 89,99 sterline, ora ne vale 2.000 (e più) con un rendimento del 2.230%.