Amazon: 294 milioni di euro in crediti di imposta

La sede di Amazon a Seattle © Amazon

Amazon Europe ha ricevuto 294 milioni di euro sotto forma di crediti di imposta lo scorso anno: lo riporta The Guardian . Nel 2018, ne aveva ricevuti 241 milioni per 28 miliardi di ricavi, nel 2017 aveva invece pagato tasse per 55 milioni a fronte di 24,9 miliardi di ricavi. Il gigante dell’e-commerce, che ha generato ricavi pari a 32 miliardi di euro (+15%), ha dichiarato di aver realizzato lo scorso anno delle perdite a causa del suo programma di investimento e lo scenario altamente concorrenziale del retail in Europa e in Uk.
In particolare, la perdita prima delle tasse di Amazon Europe ammonta a 983 milioni di euro: il gruppo avrebbe pagato 166,6 milioni di euro in licenze e royalty, elementi che andrebbero a incidere sui profitti. Amazon ha dichiarato al Guardian di pagare tutte le tasse richieste nei Paesi in cui opera ed essendo esse basate sui profitti e non sui ricavi, i primi restano bassi. Il gruppo di Jeff Bezos si sta difendendo dalla Commissione europea che ha chiesto il rimborso di 250 milioni di dollari per tasse arretrate. Il gruppo ha dichiarato inoltre di aver investito oltre 55 miliardi di euro in Europa dal 2010, in particolare in infrastrutture che hanno a loro volta generato migliaia di posti di lavoro, e di supportare diverse piccole realtà del Vecchio Continente con i suoi programmi come Fulfilment by Amazon (la possibilità di vendere e inviare beni di altre aziende).