Moda: nel 2018 il fatturato del made in Italy ha superato i 95 miliardi

Uno scatto dalla sfilata di Fendi all'ultima Fashion Week milanese © ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images

Un 2018 positivo per lo stile italiano. Secondo il pre-consuntivo di Confindustria Moda si è verificata una crescita in tutti i principali indicatori economici. In particolare, il fatturato delle aziende rappresentate ha raggiunto nell'anno appena concluso i 95,7 miliardi di euro, in progresso del +0,9% rispetto ai 94,8 miliardi del consuntivo 2017. Dopo la crescita sostenuta del 2017, l'export del settore ha raggiunto i 63,4 miliardi di Euro, registrato un progresso pari al +2,6% rispetto ai 61,8 miliardi di Euro del 2017. In crescita poi anche l'Import, a quota 35,1 miliardi di Euro nel 2018 (+3,1% rispetto al 2017). Prosegue infine pure il miglioramento del saldo della bilancia commerciale, in positivo per 28,3 miliardi di euro, in crescita di circa 592 milioni di euro rispetto al 2017 (+2,1%).

Moda italiana: occhi puntati sull'export

Entrando nel dettaglio della ripartizione geografica dell'Export nel corso dei primi dieci mesi del 2018, in ambito UE - che registra globalmente una sostanziale stabilità (+0,4%) rispetto al corrispondente periodo del 2017- si confermano ai primi posti, quali partner d'elezione per le aziende del settore, Francia (+2,4%), Germania (+0,9%), RegnoUnito (+6,5%) e Spagna (-1,9%). Più dinamici i flussi diretti fuori dai confini comunitari, cresciuti nell'insieme del +4,3%. Tra i mercati extra-UE va segnalata la Svizzera, in aumento del +14,2%, divenuta per molte categorie di prodotti la principale piattaforma logistica per la successiva riesportazione in altri mercati. Le vendite verso gli Stati Uniti, terzo mercato per valore assoluto dell'export settoriale, rappresentano l'8,6% del totale e mostrano una moderata crescita, pari al +1,3%. Con riferimento al FarEast, HongKong sperimenta una flessione nell'ordine del -3,5%; di contro, le esportazioni dirette in Cina si mantengono vivaci, archiviando una dinamica del +13,6%. In crescita anche la SudCorea (+11,3%) e il Giappone. Per quanto riguarda la Russia, al recupero messo a segno nel corso del 2017 (quando aveva registrato un +12,4%), è seguito, nei primi 10 mesi dell'anno, una flessione pari al -3,2%. La Cina si conferma il main supplier delle imprese italiane (19,6% del totale), pur se nel periodo in esame questo paese presenta un decremento dei flussi di Import (-2,3%).