Antitrust, multa da 109 milioni di euro a Enel e Acea

Oltre 93 milioni di euro e oltre 16 milioni di euro: sono le cifre cui ammontano le multe che l’Antitrust ha inflitto nei giorni scorsi rispettivamente al gruppo Enel e al gruppo Acea. Per quali ragioni? Perché le due società hanno abusato della propria posizione dominante nei mercati della vendita di energia elettrica in cui offrono il servizio pubblico di maggior tutela, escludendo di fatto i loro concorrenti. Secondo l’indagine dell’Autorità, entrambi i gruppi hanno sfruttato in modo illegittimo prerogative e asset derivanti dall’essere fornitori di maggior tutela con l’obiettivo di «traghettare» la clientela già rifornita a condizioni regolate verso contratti a mercato libero L’Antitrust ha valutato anche le condotte commerciali del gruppo A2A negli stessi mercati, ma non ha trovato prove sufficienti per un’infrazione nei confronti dell’operatore. Enel non ci sta e in una nota spiega di aver sempre agito nel pieno rispetto delle normative vigenti, tanto da essere convinta di “poter dimostrare la correttezza del proprio operato dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale al quale farà immediatamente ricorso”.