Vuoi aumentare il fatturato? Usa in modo responabile i dati del personale

Per instaurare con i propri dipendenti il rapporto di fiducia necessario per una crescita sostenuta del fatturato, i leader di azienda dovranno implementare strategie di gestione responsabile dei dati sul personale. Lo evidenzia il nuovo report di Accenture Strategy “Decoding Organizational DNA”, basato su una ricerca qualitativa e quantitativa a livello globale effettuata tra 1.400 quadri direttivi e 10 mila dipendenti in 13 settori industriali. 
Dallo studio emerge che, sebbene oltre sei dirigenti intervistati su dieci attestino l’utilizzo in azienda di nuove tecnologie per la raccolta di dati sul personale e sul lavoro allo scopo di ottenere informazioni di valore pratico (dalla qualità del lavoro alle modalità di collaborazione tra il personale, fino alla sicurezza e al benessere di quest’ultimo), meno di un terzo si dichiara certo che i dati vengano utilizzati in maniera responsabile. Inoltre, più della metà dei dipendenti ritiene che l’utilizzo di nuove fonti per raccogliere dati sul personale rischi di minare la loro fiducia, e il 64%, a causa dei recenti fatti di cronaca relativi all’uso improprio di dati, si dichiara preoccupato dal fatto che anche i propri dati possano essere a rischio. La buona notizia è che il 92% dei dipendenti è favorevole alla raccolta di dati riguardanti la propria persona e il proprio lavoro, a patto che questo porti a un miglioramento del proprio rendimento o benessere, o ad altri benefici individuali. Oltre sei dipendenti su dieci sarebbero disposti a fornire i dati relativi al proprio lavoro in cambio di un sistema di remunerazione, incentivi e benefici più personalizzato, mentre il 61% lo farebbe in cambio di opportunità di apprendimento e sviluppo più mirate. 
Il report mostra come, a livello globale, la posta in gioco per le grandi aziende sia rappresentata da una crescita futura del fatturato per 3,1 mila miliardi di dollari, proporzionalmente agli effetti che le strategie di gestione dei dati raccolti sul personale avranno sulla fiducia dei dipendenti. Le aziende che implementano strategie di gestione responsabile dei dati potrebbero vedere crescere il proprio fatturato fino al 12,5% in più rispetto alle aziende che non lo fanno.

Tre regole per un uso responsabile dei dati sul personale

Ma come garantire che le preoccupazioni dei dipendenti trovino risposta? Secondo Accenture sono tre le regole da seguire:

  • Dare controllo. Ottenere fiducia.
    Dando ai propri dipendenti molto più controllo sui propri dati, le organizzazioni non solo conquisteranno la loro fiducia, ma beneficeranno anche di un ben più consistente flusso di informazioni sulla forza lavoro, che potranno poi utilizzare per migliorare le performance. Circa tre quarti (il 73%) degli impiegati intervistati vorrebbero il controllo sui dati relativi al proprio lavoro e la possibilità di portarli con sé una volta lasciato il lavoro, e più di metà (il 56%) dei quadri direttivi sarebbe favorevole in tal senso.
  • Condividere la responsabilità. Condividere i benefici.
    Per generare benefici collettivi, i leader devono condividere la responsabilità con tutto il team direttivo e coinvolgere gli impiegati nell’ideazione di sistemi per la gestione dei dati sul personale. Ad oggi, meno di un terzo (il 29%) delle aziende progetta insieme ai propri impiegati sistemi per la gestione di dati, sebbene un terzo (il 33%) preveda di farlo.
  • Far crescere le persone. Usare la tecnologia responsabilmente.
    Le aziende devono usare l’intelligenza artificiale e altre tecnologie per dare agli impiegati maggiori opportunità di crescita e promuovere correttezza e inclusione. Oltre quattro impiegati su cinque (l’82%) si sono dichiarati convinti che la raccolta di dati attendibili attraverso le nuove tecnologie garantirà una maggiore correttezza nei pagamenti, nelle promozioni, e nelle valutazioni.