In Danimarca, mutui a tassi negativi. Ma non mancano i contro

Foto di mohamed Hassan da Pixabay

I tassi di interesse dei mutui sono bassi come forse non sono mai stati prima d’ora. Ma in Danimarca sono addirittura sotto lo 0. La Jyske Bank, terzo gruppo bancario del paese, ha deciso, infatti, di offrire mutui a tassi di interessi negativi (-05) a 10 anni. Ciò significa che chi chiede un prestito oggi, in futuro si troverà a restituire alla banca una cifra inferiore a quella richiesta. Com’è possibile? Perché stiamo entrando in “un altro capitolo della storia dei mutui. Qualche mese fa un fatto del genere sarebbe stato impensabile, ma siamo stati sorpresi più volte. Questo apre nuove opportunità per i proprietari delle case” ha spiegato Secondo Mikkel Høegh, economista immobiliare della Jyske Bank. Ma non è tutto rose e fiori come sembra. Innanzitutto, occorre considerare che i mutui decennali non sono a portata di tutte le tasche: rispetto ai mutui a 30 anni, comportano un pagamento mensile più elevato. Ma a questo problema potrebbe esserci una soluzione: Nordea Bank, gruppo con sede in Finlandia, avrebbe l’intenzione di proporre mutui a 20 anni a tasso zero e a 30 anni a tassi pari allo 0,5% sul territorio danese.

Esiste comunque un’altra criticità: i tassi negativi potrebbero comportare un aumento dei prezzi delle case. E questo potrebbe avere un effetto molto negativo nel mercato immobiliare danese che ha già subito un’impennata negli ultimi anni, tanto che solo nel 2019 i prezzi delle case sono aumentati del 4,2% a livello nazionale rispetto al 2018. Il tutto potrebbe tradursi in una nuova bolla immobiliare, simile a quella del periodo precedente la crisi. Infine, non bisogna dimenticare che il fatto che ci siano istituti disposti a prestare denaro per 30 anni ottenendo in cambio solo lo 0,5% dimostra che la situazione attuale dei mercati finanziari spaventa moltissimo gli investitori.