BusinessPeople
Imprese da Oscar
Sono stati assegnati gli Oscar di Bilancio 2009, il premio organizzato da Ferpi (Federazione relazioni pubbliche italiana). Vanno a Fondazione Umana Mente (Gruppo Allianz), Mediolanum, Credito...

L’imprenditorialità sociale conta su 15 mila imprese in Italia, 350 mila addetti, 10 miliardi di euro di giro d’affari, ma il suo potenziale di sviluppo è impressionante: fino a 50 volte. Infatti sono 500 mila le...

La famiglia? E’ anti-meritocratica
Dal libro “L’Italia fatta in casa” parte la critica ai nuovi servizi per le famiglie, come gli asili nido: li pagherebbe anche chi non li usa. L’ultima “scoperta” degli economisti Alesina e Ichino. È colpa dei genitori se i giovani non crescono

Se ti fondi, paghi meno tasse
Il 2010 secondo Alberto Quadrio Curzio: crescita - grazie al fisco - e infrastrutture - grazie all’Europa. «ma ridurre le tasse sarà molto difficile». Parla il docente della Cattolica. «Ha ragione Tremonti: più debito solo per gli ammortizzatori sociali»

La crisi ci ha cambiati
La crisi economica ha colpito l’intero Globo, ma quali sono suoi effetti sui consumatori? Come possono i brand adattarsi...

Ridefinire le regole
Raggiungere risultati a ogni costo, sì, a beneficio però della collettività, e non solo del bilancio aziendale. Le prospettive sono molteplici, ma dalla politica all’imprenditoria passando per il non profit il fronte è comune: il comportamento etico si persegue attraverso l’esempio, l’educazione dei giovani e la rielaborazione del sistema di leggi che regolano la società. Dal convegno “ECONOMIA, MANAGEMENT ED ETICA OGGI”

La dittatura del PIL
In che modo le relazioni interpersonali, il tempo libero, la salute incidono sulla nostra felicità? Il benessere vero di una nazione è qualcosa di più del prodotto interno lordo. Lo affermava Robert Kennedy, lo ribadisce oggi la commissione francese composta da Joseph Stiglitz, Amartya Sen e Jean Paul Fitoussi, l’Onu, il British Household Survey Panel, il German Socioeconomic Panel e il Genuine Progress Indicator

Assedio a Tremonti
C’è chi chiede emendamenti, chi suggerisce soluzioni, chi manda ultimatum. Il ministero dell’economia è oggetto di continue richieste da parte di istituzioni e associazioni di categoria che chiedono sgravi, tagli e interventi. e ogni tanto deve cedere, ma non sempre

Risorgere dalle ceneri
Il crollo di Wall Street e il suo impatto sulla società americana. Sono passati 80 anni dal martedì nero che segnò la fine della prosperità economica usa e l’inizio di una nuova era,di cui furono portavoce artisti come Charlie Chaplin, Ernst Lubitsch, Frank Capra, John Steinbeck, Duke Ellington, Benny Goodman e una giovanissima Billie Holiday

Texas da record
Le agenzie di rating hanno valutato con AA+ le obbligazioni emesse dal Tesoro di Austin. Le imprese hanno scelto di localizzarvi i propri impianti produttivi. I lavoratori vi hanno trovato nuove occupazioni. Merito dell’industria del petrolio e di un’imposizione fiscale ridotta

Il parere di Luca Antonini
Avvocato e professore ordinario di Diritto costituzionale presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Padova, è vicepresidente di Fondazione per la Sussidiarietà. Inoltre è componente dell’Alta Commissione di studio sul federalismo fiscale insediata presso la presidenza del Consiglio dei ministri, è esperto tributario Secit (Ministero dell’Economia), fa parte del comitato scientifico del World Political Forum.

Corruzione, evasione fiscale, criminalità, burocrazia e sprechi. Sono queste le cinque voci che compongono l’enorme parte dell’economia italiana che lo Stato non è in grado di monitorare

Ai blocchi di partenza
I prossimi Giochi olimpici di Londra2012 e Vancouver2010 risentono della crisi economica, soprattutto nella ricerca di sponsor. Resistono gli incassi da diritti Tv

Contro il libero scambio
Sono 89 i nuovi dazi che sono stati introdotti a livello mondiale. Ma bastano le misure protezionistiche nei confronti delle proprie produzioni a rilanciare l’economia? O c’è il rischio che le imprese e i consumatori ne siano danneggiati?

Il business della guerra
Che si tratti di supporto alle truppe presenti sul territorio o di ricostruzione non mancano le possibilità di guadagno per chi voglia investire in Iraq. Un conflitto che è arrivato a costare alla Difesa statunitense fino a 100 miliardi di dollari all’anno

Il lusso? Io lo affitto
Noleggiare auto sportive, gioielli, borse, jet su Internet o prenderli semplicemente in prestito in club esclusivi. Basta poco per vivere da milionari secondo la nuova filosofia del lusso che, partita dagli Stati Uniti, ha conquistato l’Europa con l’aiuto del credit crunch

Copyright © 2019 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media