Il miliardario Ambani lancia la sfida, è la sua l’abitazione più sfarzosa al mondo

Si parla addirittura di 2 miliardi di dollari spesi per costruire la torre alta ben 173 metri

È tutto pronto per l’inaugurazione dell’abitazione più grande e costosa del mondo. Entro pochi giorni la famiglia indiana Ambani – papà Mukesh è noto in tutto il mondo perché numero uno di Reliance Industries – potrà finalmente trasferirsi nella sua nuova casa. Lascerà l’edificio di 14 piani nel cuore di Sea Wind e si trasferirà in Altamount Road, sempre a Mumbai. L’inaugurazione di Antilia, il palazzo ispirato alla mitica isola, che le leggende vogliono nel mezzo dell’Atlantico, è prevista per il 28 ottobre. Ma cos’ha di speciale questa abitazione? La torre di cemento, vetro e acciaio, alta ben 173 metri e drappeggiata di giardini pensili, è la casa dei sogni. Nei suoi 27 piani, di cui solo una piccola parte destinata agli appartamenti dei cinque membri della famiglia Ambani, ospita piscine e palestre, un cinema, una sala da ballo e un centro benessere. Se i primi piani sono adibiti a garage,168 i posti auto previsti; appena più in alto sono collocati i quattro piani, con vista panoramica sulla città e sul Mar Arabico, destinati alla famiglia Ambani e, quindi, i due piani riservati agli ospiti. Nove ascensori e un eliporto sul tetto assicurano comodi spostamenti ai residenti.Oltre alla famiglia Ambani, l’edificio sarà popolato da almeno 600 persone di servizio.Il proprietario di Reliance, con una fortuna personale stimata in 29 miliardi di dollari, ha voluto costruire l’abitazione più sfarzosa del mondo, per la quale si parla di 1 o addirittura 2 miliardi di dollari, anche se l’ufficio stampa del colosso petrolifero dichiara un investimento di poche decine di milioni di dollari.Sul buon gusto di una tale costruzione a Mumbai, la città con la baraccopoli più grande d’India, ci sarebbe molto da dire. Secondo Hafeez Contractor, l’architetto che ha progettato la torre, invece, “Questo è il modo giusto per costruire un’abitazione privata in una città congestionata come Mumbai”. I grattacieli sono, a detta di Contractor, estremamente rispettosi dell’ambiente, occupando poco spazio (la reggia di Ambani occupa una superficie di soli 49mila metri quadrati) ne lasciano per il verde cittadino.

© Riproduzione riservata