Vini italiani, le 10 etichette più belle

Podio tutto toscano per le bottiglie capaci di conquistare gli appassionati non solo per le qualità dell’uva. Al primo posto svetta l’Ornellaia 2011

Vini non solo buoni, ma belli a vedersi. A eccellere in questa particolare classifica, che mette in relazione l’estetica dell’etichetta della bottiglia con le qualità del vino al suo interno è l’Ornellaia 2011. A premiare la celebre tenuta di Bolgheri un recente sondaggio su un campione di 500 individui tra i 25 e i 60 anni, condotto da un pool di psicologi per Spot and Web attraverso il monitoraggio dei più importanti social network.

Dietro all’Ornellaia si piazzano altre due eccellenze toscane: secondo posto per il Tignanello del 2011 di Casa Antinori e, al terzo posto, il Brunello di Montalcino Tenuta Greppo 2010 di Biondi Santi. Ecco qui sotto la classifica completa, tra parentesi le preferenze ottenute dall’etichetta:

VINI ITALIANI – LE DIECI ETICHETTE PIÙ BELLE 1) Ornellaia 2011, Ornellaia (19%) 2) Tignanello 2011, Marchesi Antinori (16%) 3) Brunello di Montalcino Tenuta Greppo 2010, Biondi Santi (14%) 4) Sassicaia 2011, Tenuta San Guido (12,5%) 5) Amarone della Valpolicella Classico Serègo Alighieri Vaio Armaron 2008, Masi (10%) 6) Langhe Nebbiolo Sperss 2010, Gaja (8%) 7) Sagrantino Montefalco 2010 25 Anni, Arnaldo Caprai (7%) 8) Chianti Rúfina Riserva DOCG Nipozzano 2010, Marchesi de’ Frescobaldi (5%) 9) Solaia 2011, Marchesi Antinori (3%) 10) Santa Cecilia Noto Doc 2010, Planeta (2%)

© Riproduzione riservata