Un'immagine di come sarà la Tesla Powerwall

Tesla continua la battaglia per l'energia solare. Dopo aver spinto su tanti prototipi di auto alimentata a pannelli, l'azienda americana ha presentato Powerwall, un sistema di accumulo dell'elettricità da 350-400 Volt. Due le versioni in commercio, una da 10 kWh e una da 7 kWh prenotabili rispettivamente a 3.500 e 3.000 dollari. Sovraccarichi, temporali e blackout non saranno più un problema per questa batteria in grado di immagazzinare l'energia solare di giorno o di ricaricarsi di notte quando l'elettricità ha costi inferiori.

Potrebbe essere l'inizio di una rivoluzione energetica, anche più decisiva di quanto non abbiano finora fatto le auto EV 100% elettriche. Powerwall sfrutta infatti batterie agli ioni di litio in tutto identiche a quelle delle auto, indipendenti dalla rete elettrica. Con 10 kWh a disposizione, si potrebbero ricaricare fino a 952 volte l'iPhone, tenere acceso una Tv al plasma per 30 or o, l'ultimo esempio dell'Ansa , macinare il ghiaccio nel frullatore per 4.000 cocktail.