Durerà tre anni e coinvolgerà 300 milioni di giovani di 100 Paesi l’iniziativa Microsoft YouthSpark che, come annuncia la società americana, è finalizzata a creare opportunità concrete nel campo della formazione, dell’occupazione e dell’imprenditorialità per aiutare ragazze e ragazzi di tutto il mondo. Nel 2011 erano infatti quasi 75 milioni i giovani di tutto il mondo senza lavoro (dati del report Opportunity for Action dell'International Youth Foundation, commissionato da Microsoft a marzo 2012), con un gap tra le opportunità e la popolazione tra i 6 e i 24 anni in aumento.
In Italia, in particolare, la situazione è critica: a luglio 2012 nel nostro Paese il tasso di disoccupazione dei 15-24enni è salito al 35,3% con un incremento del 7,4% rispetto all’anno precedente (dati Istat 31 agosto 2012) e i disoccupati nella fascia 16-35anni sono 1,4 milioni.
Sono questi i dati che hanno spinto Microsoft ad avviare in Italia programmi volti a supportare la digitalizzazione delle scuole, a fornire competenze e supporti concreti a chi si avvicina al mondo del lavoro o vuole avviare un’impresa. Ma l’impegno di Redmond non si ferma qui: varca i confini e coinvolge il mondo intero tramite il programma YouthSpark, con cui viene offerto denaro alle organizzazioni no profit di tutti i Paesi che sviluppano progetti per i giovani. Vengono poi messi a disposizione software gratuiti di produttività, comunicazione e collaborazione per docenti e studenti (progetto Microsoft Office 365 for Education), sviluppata una community globale e gratuita per agevolare i contatti scolastici (Skype in the Classroom) e, last but not least, implementati nuovi progetti (tra cui Give for Youth, Microsoft YouthSpark Hub e Microsoft Innovate for Good).
Sono state annunciate, inoltre, collaborazioni con organizzazioni no profit di tutto il mondo (GlobalGiving, TakingITGlobal e International Youth Foundation) e organizzazioni no profit locali (Silatech in Medio Oriente, The Trust for Americas in America Latina e Asean Foundation in Asia).