La realtà 2.0 invade anche il settore dei servizi e in poco tempo guadagna sempre più consensi, diventando lo strumento principe per informare e dialogare con gli italiani: sono i servizi online, infatti, a piazzarsi sul podio dell’indice di soddisfazione degli italiani per i servizi (misurato su scala 0-100), rilevato a cadenza biennale dal Cfmt (Centro formazione management del terziario di Manageritalia e Confcommercio). Grazie a un punteggio che in soli due anni sale al 76,9 (nel 2010 era il 74,1), la Rete fa perdere il primato alle farmacie, storicamente le più apprezzate dagli italiani e che ora si trovano al terzo posto (con 73,5 punti), superate anche dalle librerie (74,0).
Se la classifica del consenso attribuito ai vari servizi italiani è rivoluzionata nei gradini più elevati, tanto non si può affermare per la parte bassa della graduatoria: nelle ultime posizioni si ritrovano infatti i trasporti, con i mezzi pubblici urbani che si attestano al terzultimo posto (52,2), penultimi gli uffici pubblici nazionali e regionali (50,3) mentre restano ultimi i treni locali (46,1), a distanza di due anni giudicati ancora i servizi peggiori per affidabilità, convenienza, professionalità, capacità di problem solving, efficacia e trasparenza.
Trend di crescita confermato per il comparto del commercio al dettaglio (72), lontano però di soli 2,5 punti dalla grande distribuzione (70,5) che conta ben quattro degli otto settori che la compongono in aumento, tre stabili e solo i centri commerciali che perdono 2,7 punti rispetto al 2010.
A livello territoriale, invece, in soli due anni la situazione italiana dimentica la questione meridionale e si colora a macchia di leopardo con il Trentino Alto Adige al primo posto (68,7), Molise e Umbria (67,2) al secondo. Seguono altre regioni del Centro Sud mentre Piemonte e Lombardia si piazzano al settimo e ottavo posto (con 65,4 e 65,2), Lazio, Liguria e Valle d’Aosta in coda negli ultimi tre posti. É anche questo, forse, un effetto della rivoluzione 2.0.

La soddisfazione degli italiani per i singoli servizi (punteggio 2012 e 2010)

Classifica e singoli servizi Punteggio medio di soddisfazione complessiva
Classifica Servizi 2012 2010
Servizi/acquisti on-line 76,9 74,1
Librerie 74,0 72,4
Farmacie 73,5 75,5
Palestre/luoghi per la cura del corpo 72,0 69,7
Centri commerciali 71,7 74,4
Supermercati/Ipermercati 71,4 71,7
Grandi superfici di bricolage/fai da te 70,9 67,2
Servizi alberghieri 70,6 69,0
Grandi magazzini 70,5 69,4
10° Discount 70,4 69,6
11° Grandi superfici di elettronica 70,3 67,4
12° Outlet 69,8 69,9
13° Negozi alimentari 69,4 71,3
14° Cinema, Teatri 69,2 71,8
15° Grandi superfici di arredamento 69,2 69,0
16° Agenzie di viaggio 69,0 67,7
17° Negozi di abbigliamento 68,9 68,1
18° Ristoranti/Pizzerie 68,7 70,7
19° Aeroporti/aerei 68,2 62,4
20° TV a pagamento 68,1 66,8
21° Mostre, Musei, Festival, Fiere 67,7 66,8
22° Telefonia mobile 65,7 67,3
23° Treni alta velocità 64,8 65,1
24° Asili nido 64,4 64,4
25° Telefonia fissa / servizi internet 64,0 62,6
26° Aree di sosta/ristoro autostradali 63,0 63,2
27° Stazioni di servizio 62,7 64,4
28° Sanità privata 61,1 65,0
29° Assistenza anziani 59,6 64,5
30° Autostrade 58,6 56,0
31° Assicurazioni 58,6 57,6
32° Utilities (gas, energia) 58,3 55,5
33° Banche 57,7 63,2
34° Uffici pubblici locali 54,6 52,3
35° Stazioni 53,8 54,8
36° Uffici postali 52,6 58,4
37° Sanità pubblica 52,6 57,9
38° Mezzi pubblici urbani 52,2 57,5
39° Uffici pubblici nazionali/regionali 50,3 55,4
40° Treni locali 46,1 50,2