È iniziato a San Jose (California, Usa) il processo tra Apple e Samsung, definito da molti osservatori come il processo del secolo che vede contrapporsi due giganti del mercato tablet e smartphone. L’azienda statunitense accusa i rivali di Samsung di aver copiato il design innovativo di iPhone e iPad; dall’altra parte i sudcoreani cercano di rovesciare l’accusa da parte di Apple. Ecco, in una sintesi realizzata dall’Ansa , le accuse che le due società si rivolgono in base ai documenti depositati in tribunale.

IL PUNTO DI VISTA DI APPLE - Samsung ha visto l'iPhone e si è impegnata a competere in ogni modo. I documenti di Samsung - secondo Apple - mostrano il piano messo a punto per copiare il design innovativo di Cupertino. Nel settembre 2007 Samsung ha concluso che il bel design dell'iPhone e la sua interfaccia facile e intuitiva avrebbe consentito allo smartphone di avere il successo dell'iPod, che ha catturato il 75% del mercato dei lettori di musica in soli cinque anni. Samsung ha concluso che “avrebbe dovuto competere con l'iPhone in ogni modo” e che l'hardware dell'iPhone poteva essere “facilmente copiato, incluso il touch screen”. Nel settembre 2008 l'amministratore delegato di Samsung ha detto che la sua società avrebbe dovuto adottare il “metodo touch” dell'iPhone che stava diventando “lo standard de facto del mercato”. I documenti di Samsung mostrano che la società ha sviluppato e lanciato prodotti identici ad Apple, nonostante i ripetuti avvertimenti sulle similarità. In diversi hanno avvertito Samsung che il Galaxy S “sembrava troppo una copia dell'iPhone”, che non aveva elementi di distinzione: bastava coprire il logo Samsung e “sarebbe stato difficile trovare delle differenze con l'iPhone”. Nel febbraio 2010 Google ha detto a Samsung che i tablet 'P1' e 'P3' (Galaxy Tab e galaxy Tab 10.1) erano troppo simili all'iPad.

IL PUNTO DI VISTA DI SAMSUNG - Apple ha preso in prestito idee di altri e le ha raffinate e i documenti interni di Apple lo mostrano. Apple ha cercato di escludere Samsung dal mercato. I documenti interni di Apple dimostrano che Apple ha preso idee da altri, anche da Sony. Nel febbraio 2006 poco dopo l'intervista di un designer di Sony che spiegava il nuovo dispositivo portatile della società, Apple ha chiesto al proprio designer di preparare un design simile a quello di Sony per un telefono Apple the iPhone. E documenti interni di Apple mostrano come i disegni per il telefono Apple avevano proprio il nome di Sony sopra. Apple ammette in documenti interni che la sua forza non è sviluppare per prima nuove tecnologie ma commercializzarle con successo: nello sviluppare la campagna per promuovere l'iPhone, Apple ha respinto ogni indicazione che fosse la prima con l'iPhone.