©GettyImages

Kate e William il giorno dell’ufficialità del fidanzamento

Il count down è quasi terminato, il prossimo 29 aprile Kate Middleton e il principe William diventeranno, salvo improbabili imprevisti dell’ultima ora, sposi. L’abbazia di Westminster è già pronta ad accogliere gli oltre 1.900 invitati (per le nozze di Carlo e Diana furono ben 3.500) e tutti sono al lavoro affinché la cerimonia sia indimenticabile. Già stabilita anche la durata (non ancora la meta) del lungo viaggio di nozze, con la Regina pronta a concedere alla coppia fino a 24 mesi di luna di miele. E poi? Una fetta consistente di britannici, oltre il 30% vorrebbe che, una volta terminato il “concedo matrimoniale”, alla coppia fosse subito affidata la corona britannica. Secondo un’indagine, condotta dalla società di ricerca Panelbase, un suddito di Sua Maestà su tre vorrebbe che, entro due anni, la Regina Elisabetta abdicasse, aprendo le porte di Buckingham Palace, non alla coppia di sessantenni Carlo e Camilla, bensì a King William e Queen Catherine. Il 59% dei cittadini britannici, al di là dei vincoli temporali, vorrebbe che fosse William a succedere alla Regina e non il padre Carlo. L’indice di gradimento della coppia William-Kate è altissimo tra i più giovani, anzi tra le più giovani, il 78% delle donne inglesi di età compresa tra i 18 e i 34 anni vorrebbe William re e Kate regina.

Mentre cresce la febbre mediatica per il Royal wedding, è arrivata sul mercato Princess Catherine Doll, la bambola che riproduce in miniatura la bella Kate. Il look scelto è quello del fidanzamento ufficiale con il principe William, quell’abito blu firmato Issa, ormai introvabile. Non manca, all’anulare sinistro, l’anello di fidanzamento, il colossale zaffiro blu già di Lady Diana, che il futuro marito le ha regalato. A completare gli accessori un minuscolo cappellino da cerimonia fucsia, scarpe decolleté e borsetta dorata. La bambola costa 35 sterline, una parte del ricavato sarà destinato all’organizzazione di beneficienza per veterani, Help for Heroes, che William sostiene.