© www.explorehimalaya.com

Dopo un primo tentativo fallito nel 2004, il Bhutan torna all’attacco delle sigarette. Il regno himalayano ha approvato una legge che mette al bando il tabacco in ogni forma e in ogni luogo, comprese le abitazioni private. L’unica eccezione è per i turisti, che godono di una certa tolleranza, ma solo se acquistano all’estero le sigarette. Vendere tabacchi nel Paese, invece, costerà l’arresto da tre a cinque anni. Il parlamento che ha approvato a larghissima maggioranza il provvedimento è stato introdotto appena due anni fa nel regno e dall’inizio del suo mandato ha lavorato alla crociata antifumo. Solo 40 anni fa, circa il 50% dei bhutanesi fumava.