Giorgio Napolitano

Porte del Quirinale aperte ieri ai nuovi Cavalieri “Al Merito del Lavoro”. Il Presidente Giorgio Napolitano ha infatti ufficiato la cerimonia di consegna delle onorificenze – croce e brevetto – ai 25 nuovi Cavalieri, designati il 2 giugno 2011. Consegnati anche gli attestati di “Alfieri del Lavoro” a 25 giovani neo diplomati. Se il riconoscimento di “Cavaliere del Lavoro” premia le eccellenze del mondo del lavoro e dell’imprenditoria italiana; in particolare quelle personalità che, “operando nel proprio settore in via continuativa e per almeno vent’anni con autonoma responsabilità, contribuiscono in maniera rilevante allo sviluppo economico e produttivo e all’innovazione”, quello di “Alfiere del Lavoro ” è invece un riconoscimento all’impegno e alle motivazioni dimostrati nello studio dai migliori studenti italiani. Tutti gli Alfieri del Lavoro premiati hanno riportato la qualifica di ‘ottimo’ alla licenza media e la votazione di 100/100 all’esame di Stato. Le due onorificenze consegnate insieme a segnare un legame ideale tra presente e futuro del mondo del lavoro.

Tra i cavalieri del lavoro troviamo quest’anno personalità come Renzo Rosso, patron del gruppo Diesel, Maurizio Marinella, re delle cravatte ed Ermenegildo Zegna di Monterubello, ad dell’omonimo gruppo; ma anche il presidente esecutivo di Telecom, Franco Bernabè e l’ad di Terna Flavio Cattaneo. Quattro le donne: Giovannina Domenichini (Landi Renzo Spa), Debora Paglieri (Paglieri Profumi), Anna Rossi Illy (Gruppo Illycaffè) e Diana Theodoli Pallini.

Il Presidente Napolitano ha anche consegnato il distintivo d’oro ai Cavalieri del Lavoro che appartengono all’Ordine da 25 anni.