BusinessPeople

Non uno, ma quattro

Non uno, ma quattro Torna a Arte tiro con arco
Venerdì, 02 Ottobre 2020

I tipi di arco contemplati dalle federazioni:

  • Arco longbow (o istintivo) È un unico flessibile, monolitico, praticamente invariato nei secoli; può essere fatto solo di legno, così come le frecce da utilizzare. Si usa per il tiro cosiddetto “istintivo”, in cui si mira rapidamente e si scocca, calcolando intuitivamente distanza e gittata. 
  • Arco olimpico È formato da un’impugnatura e da flettenti, e può essere completato da stabilizzatori, mirini, nonché da ammortizzatori che attenuano le vibrazioni della freccia al momento dello scocco. È estremamente personalizzabile e si sceglie in base alla lunghezza della corda e dal libraggio, cioè la misura in libbre della forza che verrà impressa alla freccia. 
  • Arco nudo Si intende nudo un arco sprovvisto di accessori come il mirino e di stabilizzatori supplementari. Sono consentiti solo il poggiafreccia, un ammortizzatore di flessione e dei pesi che fungano da stabilizzatori in fase di rilascio. Il tutto deve passare all’interno di un anello di 12 centimetri di diametro. Ne usa uno Occhio di Falco, nel film The Avengers del 2012. 
  • Arco compound È il più complesso e sofisticato. Nato negli anni 80, utilizza materiali di ultima generazione per la componentistica e, oltre agli accessori propri dell’arco Olimpico, è dotato di carrucole eccentriche collegate ai flettenti, che servono ad attenuare lo sforzo del tiratore per mantenere l’arco in tensione, consentendogli di restare in posizione di mira tutto il tempo che gli occorre. Rispetto ai modelli precedenti, imprime alla freccia maggior velocità e precisione.
POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2020 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media