rassegna stampa  © Matteo T. Mombelli

Dopo le polemiche di ieri sullo show di Adriano Celentano a Sanremo e il suo attacco ai preti e alla stampa cattolica, anche oggi la maggior parte delle prime pagine dei quotidiani nazionali si occupano della Chiesa. Non solo a proposito del Festival della Canzone Italiana, ma piuttosto riguardo all'annuncio, fatto dal premier Monti alla commissione Ue, sulla volontà del governo italiano di estendere il pagamento dell'Ici anche sui beni della Chiesa. Si va da "Chiesa e Ici, nuove regole" de Il Corriere della Sera fino a "Monti pronto a tassare anche il Papa" de Il Tempo. Controcorrente Il Sole 24 ore che dedica il taglio alto della sua prima pagina ancora una volta alla propria inchiesta sulla stretta creditizia che si abbatte sulle imprese italiane. "Ecco l'Italia del credit crunch" è il titolo del quotidiano finanziario. Se l'attualità del Festival compare su tutti i quotidiani, per alcuni è addirittura il tema di giornata. Come per Libero secondo cui "Lei è peggio di Lui", sottintendendo che responsabile dell' "ignobile esibizione" del Festival sarebbe, più che Celentano, il direttore generale Rai, Lorenza Lei. Rimane in viale Mazzini, ma con un altro focus, Milano Finanza che apre con l'indiscrezione che vorrebbe il manager Francesco Caio pronto alla guida dell'emittente pubblica. Il Giornale apre invece con una lettera di Silvio Berlusconi a proposito degli sviluppi delle ultime novità giudiziarie del processoMills. Avvenire e Il Manifesto dedicano invece la propria apertura alla recessione in atto nel nostro Paese.