Una scena del reality “La pupa e il secchione”

Come risolvere il problema dei precari nella scuola? La questione è di scottante attualità e le risposte possibili sono tante. Tra tutte quella di farli diventare le star di un reality show televisivo non è certo la migliore. Se ne sono accorti anche in Mediaset, i cui vertici hanno deciso di cancellare il reality show ‘Non è mai troppo tardi’. Nel programma, che Mediaset stava pensando per la sua rete ammiraglia, Canale 5 insegnanti precari avrebbero dovuto confrontarsi con concorrenti di reality andati in onda nel passato, scelti tra i più somari, tra quelli divenuti famosi per la loro ignoranza o incapacità di esprimersi in un italiano corretto. Se per i concorrenti ‘vip’ l’obiettivo sarebbe stato quello di essere l’alunno più meritevole, per gli insegnanti il premio sarebbe stato automatico, un gettone di presenze dal valore di 150 mila euro, ovvero dieci anni di stipendio, ad ogni partecipante.

Ma Mediaset non ha fatto in tempo a pubblicizzare l’iniziativa e a lanciare i casting per selezionare i concorrenti che le polemiche dei precari della scuola sono esplose. Schierati contro l’iniziativa tanto i precari della scuola quanto le opposizioni, dal Pd all’Italia dei Valori.
La Federazione Lavoratori della Conoscenza, il sindacato Cisl, ha subito apostrofato l’iniziativa come «una vera, autentica, clamorosa vergogna», con la quale il gruppo televisivo della famiglia Berlusconi avrebbe voluto offendere quegli stessi precari, al cui il governo Berlusconi era indifferente. Contrari anche i precari di Orizzonte Scuola, secondo i quali «prima la politica riduce alla fame i precari della scuola, poi arriva il reality show che ha l’unico scopo di sfruttare la disperazione per denigrare i precari della scuola rendendoli fenomeni da baraccone». Attiva anche una pagina Facebook contro il programma.

Polemiche che sembra che abbiano spinto i vertici Mediaset a cancellare il programma, così come ventilato da alcune indiscrezioni apparse sulla stampa, ancora non ufficialmente confermate.