Foto tratta dalla pagina Facebook di Great Placet o Work Italia

Fiducia e formazione. Sono questi i due pilastri per costruire un’azienda di successo. La conferma arriva dal rapporto Working on the Human Touch , presentato in occasione della classifica Best Workplaces in Europe 2014 e stilata da Great Place to Work, realtà che ogni anno interroga decine di migliaia di dipendenti per scoprire il posto di lavoro ideale.
Il rapporto, che accompagna le tre classifiche Best Workplaces – suddivise tra multinazionali, grandi aziende e pmi – evidenzia come negli ultimi cinque anni la maggior parte dei Paesi ha visto un avanzamento del livello di fiducia dei dipendenti relativo al proprio ambiente di lavoro, in alcuni casi anche molto significativo, come nel caso dell’Italia, che ha registrato un aumento del 6%.

COME CAMBIA IL LAVORO. La sempre più diffusa tendenza delle multinazionali di chiedere ai dipendenti di fare di più con meno e la sensazione di essere sempre a contatto con il posto di lavoro grazie ai (o a causa dei) dispositivi mobili, ha innalzato il livello di stress. Per migliorare questa situazione, le nuove ricerche hanno individuato nelle tecniche di rilassamento e di meditazione una soluzione; e, poiché queste ultime si traducono con una migliore redditività, “i Best I Best Worplaces”, spiega Alessandro Zollo, a.d. di Great Placet o Work Italia”, si stanno attrezzando con la predisposizione di corsi di yoga e laboratori di consapevolezza e di intelligenza emotiva. “Gli spazi di lavoro”, aggiunge Zollo, “stanno cambiando per trovare una migliore consapevolezza di sé, benessere fisico e, soprattutto, quel benessere psicologico che mette i manager nella condizione di prendere le decisioni”. Leggi anche: Meditate manager, meditate

L’IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE. Per creare un’azienda salda e in salute un altro dei segreti è la formazione; non a caso tra i Best Workplaces – che hanno registrato in media un aumento nei ricavi pari al 6,2% nel periodo 2012/2013 – le ore medie annue per persona dedicate alla formazione sono passate da 57 a 62 (+9%). Lo studio evidenzia, inoltre, come in Europa le migliori aziende sono più attente nel trattare i dipendenti come individui e non solo come lavoratori. In Cygni – pmi al primo posto della classifica 2014 – i dipendenti vengono interpellati sulle tecnologie con cui preferiscono lavorare, su quale sia il settore lavorativo di preferenza e quale il luogo. I dipendenti possono anche selezionare in libertà i propri orari di lavoro e i singoli benefit.