I titoli dei più importanti telegiornali italiani andati in onda in prima serata, un modo per farvi capire cosa è (o non è) importante per un telegiornale.

Il confronto . Sono ancora gli arresti in chiave Expo 2015 di Milano e il nuovo arresto a Nizza, legato al caso Scajola ad aprire le edizioni principali dei telegiornali italiani di prima serata. L’unica eccezione è il Tg5 , che apre con un focus sulle tasse riguardanti la casa - molti Comuni non avrebbero ancora deciso le aliquote o le detrazioni sulla Tasi - e sui primi controlli legati al redditometro. In dettaglio ecco come, nella serata di domenica 11 maggio, sono state trattate le notizie dai telegiornali:

La società vista dai telegiornali di tre anni fa - Le edizioni dell’11 maggio 2011

Le edizioni precedenti

TG1 Rai
1. Cronaca interna. Gli affari della Cupola: non solo Expo e sanità, ma anche appalti per lo smantellamento di centrali nucleari. Individuato il nuovo General Manager.
2. Politica interna. Renzi martedì a Milano, allo studio task force anti-corruzione; tra gli alpini dice: “L’Italia è più grande delle nostre paure”.
3. Cronaca. Caso Scajola, arrestata a Nizza la moglie dell’ex deputato Matacena, che al Tg1 dice: “Non ho mai cercato di andare in Libano”. I rapporti con le cosche.
4. Cronaca estera. Ucraina, l’est filo-russo vota il referendum sulla secessione da Kiev: lunghe file ai seggi. L’Occidente: “Consultazione fasulla”.
5. Cronaca interna/Sport. Domenica blindata nella capitale per Roma-Juventus dopo gli incidenti di Coppa; a Bergamo lancio di banane contro il milanista Constant.
6. Sport. Tennis e fair play, Djokovic a Roma per gli Internazionali: “Ho imparato grazie agli avversari. Presto sarò papà. Il mio impegno per i bambini serbi”.
7. Musica. Si intitola La palla è rotonda , è un samba inedito cantato da Mina la sigla dei programmi Rai dedicati ai prossimi Mondiali 2014, in Brasile. Il testo gioca con ironia sui luoghi comuni del calcio.

TG5 – Mediaset
1. Economia. Allarme Tasi, molti comuni non hanno ancora deciso aliquote e detrazioni; redditometro: partono 20 mila lettere per gli accertamenti. Nel mirino le differenze tra spese e redditi.
2. Politica interna. Rezni a Monfalcone per la presentazione dell’ultimo gioiello italiano di Fincantieri: “L’Italia è più grande delle nostre paure”. Grillo: “Potremmo essere un uragano”. Berlusconi: “Unire i moderati, tornerò in Parlamento in meno di sei anni”.
3. Cronaca. Il caso Scajola, arrestata a Nizza dalla gendarmeria francese Chiara Rizzo, moglie di Amedeo Matacena. Per l’ex ministro i pm avevano chiesto l’aggravante per concorso esterno in associazione mafiosa, ma il gip l’ha negata.
4. Cronaca interna. Tre anziani morti in pochi mesi all’ospedale San Martino di Genova, forse uccisi dallo stesso batterio killer; i Nas al lavoro sulle cartelle cliniche. La figlia di una delle vittime, spero nella giustizia.
5. Cronaca interna. Alpini, esempio per l’Italia. Tra canti e balli Pordenone invasa pacificamente da 400 mila penne nere per la sfilata dell’87esima adunata nazionale.
6. Attualità. Mai così in basso i musei italiani, che scendono al 26esimo posto nella classifica mondiale dei più visitati. La parte del leone la fa il Louvre, a Parigi, seguito dal British Museum di Londra.
7. Sport. Catania, Bologna e Livorno salutano la Serie A e retrocedono; impresa del Sassuolo: vince con il Genoa e resta nella massima serie. La Juve vince all’Olimpico. Quattro squadre ancora in corsa per l’ultimo posto in Europa League.

TG LA7 Cairo Communication
1. Cronaca. Arrestata in Francia Chiara Rizzo, la moglie dell’ex parlamentare Pdl Matacena, latitante a Dubai. La donna, accusata di far parte di un’associazione a delinquere legata alla ‘ndrangheta, avrebbe, fra l’altro, tentato di proteggere con intestazioni fittizie l’ingente patrimonio del marito. In questo compito l’avrebbe aiutata l’ex ministro Scajola, indagato anche per concorso esterno in associazione mafiosa; accusa che il gip ha, però, respinto nell’ordinanza di custodia cautelare.
2. Politica interna. Dopo la bufera giudiziaria sull’Expo il governo corre ai ripari: “I responsabili siano fermati, ma le opere vadano avanti”, ha detto il premier Renzi, che lancia una proposta di una task force anti-corruzione da affiancare al commissario unico Giuseppe Sala. Ma la nuova Tangentopoli è terreno di scontro politico alla vigilia delle europee, i 5 Stelle chiedono di fare chiarezza o di fermare i lavori; “non si può affidare la lotta alla corruzione solo alla magistratura”, dice Nichi Vendola.
3. Politica interna. Berlusconi è sicuro di rientrare in Parlamento e di farlo prima dei sei anni previsti dalla Severino per i condannati a titolo definitivo; “la sentenza con cui sono stato condannato - spiega - Sarà presto annullata, perché ingiusta”. Sulle riforme, intanto, nuova frenata da Forza Italia: “Continueremo ad appoggiarle, se sono buone e non servono solo a dare una medaglietta a Renzi”, ha detto Giovanni Toti.
4. Politica interna. Scintille fra governo e sindacati dopo che il ministro Padoan in un’intervista ha ribadito che la concertazione ha fallito: “Sì al confronto - dice il ministro dell’Economia - ma poi la gestione spetta a chi governa”, ha aggiunto il titolare dell’Economia, secondo il quale in autunno, con la legge di stabilità, si cercherà di allargare il perimetro del bonus degli 80 euro, estendendolo ad altri lavoratori. La Cgil replica al ministro: “La concertazione non è mai stato un fine, ma un metodo”.
5. Cronaca estera. In Ucraina è il giorno dei due referendum indetti dai filo-russi nelle regioni dell’est del Paese, alta l’affluenza alle urne a Donetsk e Lugansk, che cercano l’indipendenza di Kiev, come accaduto in Crimea. “Questo voto è un passo verso l’abisso”, ha detto il presidente ad interim ucraino Turcinov.

SKY TG24 Sky Italia
Non disponibili