© Getty Images

A pochi giorni dall’assemblea della Lega Calcio, Img propone, con una manifestazione di interesse, come nuovo advisor al posto di Infront per la gestione dei diritti tv delle prossime stagioni (dal 2016). Il contratto con Infront scade infatti il 30 giugno 2016; la sua gestione dei diritti è stata però messa in discussione da sette club (Fiorentina, Inter, Juventus, Roma, Sampdoria, Sassuolo e Verona) che, a fine agosto, avevano chiesto alla Lega una riflessione approfondita sulla materia e di individuare l’advisor per il nuovo mandato con una gara.
Img aveva partecipato già al bando 2008 offrendo un minimo garantito di 860 milioni di euro, mentre Infront ne aveva offerti 910 milioni.