Torino-Reggina, Serie B © GettyImages

Dopo il recente accordo approvato all’unanimità in Lega Calcio inerente la Serie A, per la ripartizione dei 197 milioni di euro provenienti dalla vendita dei diritti televisivi legata ai bacini d'utenza, prende ora avvio la ricerca per quello inerente la Serie B.
I club si sono infatti riuniti per la prima volta dopo lo scoppio dello scandalo-scommesse, che coinvolge in pieno il mondo cadetto. Nel corso dell’assemblea si è, infatti, discusso di diritti tv per la trasmissione su digitale terrestre a pagamento. In particolare, del concordato fallimentare proposto da Dahlia Tv che offre alle società il 16% del contratto non rispettato, per un totale di 8 milioni complessivi da dividere tra i club. In lizza per la trasmissione delle partite di Serie B tre network: Mediaset, Europa 7 e Pangea. Una posizione di vantaggio sembrerebbe averla il Biscione: subentrato a Dahlia dallo scorso marzo, ha ottenuto buoni riscontri dalla vendita del “pacchetto Serie B” della fase finale della stagione. L’offerta, potrebbe molto probabilmente non superare i 6 milioni di euro.