Blackberry © GettyImages

Il 75% del valore andato in fumo in un anno e una quota di mercato che solo nell’ultimo trimestre ha perso il 21%. Sono i numeri preoccupanti di Rim, l’azienda canadese famosa per il suo Blackberry che sta cercando di risalire la china dopo essere stata investita dall’ondata di smartphone di ultima generazione, pensati per consumatori ma molto apprezzati anche dagli uomini d’affari. I dati, riportati da Il Sole 24 Ore , sono il preludio all’ultima scommessa di Rim e del suo nuovo amministratore delegato Thorsten Heins che a Orlando (Florida), di fronte a una platea di 5 mila sviluppatori, ha presentato il suo ultimo sistema operativo Blackberry 10; su questo Os (operating system) la società punta tutto o quasi, uscirà a fine anno in tempo per gli acquisti di Natale. Avrà la gestione della posta elettronica tra i suoi punti di forza ma, anche un modulo per i pagamenti a sfioramento Nfc e una tastiera con sistema virtuale predittivo. “L’innovazione è nel flusso”, ha dichiarato Heins riferendosi alla tecnologia del Blackberry 10 che consente di passare più rapidamente da un’applicazione a un’altra e senza interruzioni.