© GettyImages

Ritorno al futuro per Samoa che il prossimo 29 dicembre sposterà le lancette dell’orologio avanti di 24 ore tornando così a Ovest del cambiamento di data. Perché? Per adattarsi al fuso di Paesi come Zelanda, Australia e Cina e migliorare così il proprio business. "Nel fare affari con Nuova Zelanda e Australia, stiamo perdendo per due giorni lavorativi a settimana", afferma il premier samoano Tuilaepa Sailele Malielegaoi spiegando che, quando “è venerdì qui, è sabato in Nuova Zelanda e quando siamo in chiesa la domenica, a Sydney e Brisbane si sta già lavorando".
La scelta di adottare il fuso Statunitense era stata presa 119 anni fa quando le relazioni commerciali tra gli operatori americani in California e le isole della Samoa erano molto più importanti. Ora l’interesse torna a ovest della linea del tempo e serve adattarsi, anche se questa decisione avrà un costo: lo Stato è da tempo meta turistica per essere l'ultimo posto sulla Terra per vedere il tramonto di ogni giorno. La scelta porterà confusione, ma anche benefici e il vulcanico premier samoano ha già trovato una nuova soluzione: giocando sulla vicinanza tra lo Stato della Samoa e le Samoa americane (che manterranno il fuso Usa) i turisti potranno vivere lo stessio giorno due volte, “festeggiare due compleanni, due matrimoni e due anniversari di matrimonio nello stesso giorno - in giorni diversi - in meno di un'ora di volo via mare, senza lasciare la catena di Samoa".