© Banco Alimentare

Allungare la lista della spesa con olio, alimenti per l’infanzia, tonno, carne, legumi, pelati e sughi permetterà, sabato prossimo, di aiutare 1.400.000 persone povere. In occasione della 15ª Giornata Nazionale della Colletta Alimentare (Gnca), 120.000 volontari della Fondazione Banco Alimentare onlus saranno presenti in oltre 8.600 supermercati di tutta Italia per invitare a donare alimenti a lunga conservazione che consegneranno a oltre 8.000 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc.). Le donazioni di alimenti ricevute nel corso della giornata di sabato 26 novembre andranno a integrare quanto la rete Banco Alimentare recupera grazie alla sua attività quotidiana, combattendo lo spreco di cibo (nel 2010 circa 65.000 tonnellate di alimenti, pari a un valore di 210 milioni di euro ovvero al carico di oltre 2.000 tir).
La Gnca è un imponente esempio di solidarietà popolare che, nato nel 1997, gode dell’Alto patronato della presidenza della Repubblica e del patrocinio del segretariato sociale della Rai ed é reso possibile grazie alla partecipazione di decine di migliaia di volontari aderenti all’Associazione nazionale alpini, alla società San Vincenzo De Paoli e al movimento di Comunione e Liberazione. Ma è soprattutto un momento che coinvolge e sensibilizza la società civile al problema della povertà attraverso l’invito a compiere un gesto concreto. Un ottimo motivo per riempire il carrello con qualche alimento in più.