BusinessPeople

Il futuro possibile: intervista a Francesco Farinetti

Il futuro possibile: intervista a Francesco Farinetti Torna a Green Pea sostenibilità Farinetti
Venerdì, 05 Giugno 2020

L’anima di Green Pea, racconta il progetto

Francesco Farinetti_credits Guido Galleano

Dopo UniEuro e Eataly, perché scommettere su Green Pea?
È la terza avventura imprenditoriale della nostra famiglia. Con Eataly nel 2007 avevamo anticipato l’onda della consapevolezza sul cibo, oggi con Green Pea vogliamo intercettare una nuova tendenza e puntiamo sulla nuova rivoluzione inaugurata da Greta Thunberg. Con Eataly abbiamo iniziato a parlare di cibo buono, pulito e giusto quando i bambini mangiavano ancora le merendine e volevano fare i calciatori, mentre oggi guardano Masterchef e siamo tutti buongustai. È successo col cibo che mangiamo, accadrà anche con quello che indossiamo, guidiamo e usiamo. Ma non è una scommessa al buio: sono dieci anni che lavoriamo sul progetto. 

Come è nata l’idea?
Era il 2010 e avevamo appena aperto il primo Eataly a New York: passeggiando per i negozi la città, io e mio padre ci accorgiamo che anche l’abbigliamento iniziava da alcuni player a essere raccontato nei dettagli come noi raccontavamo la pasta e le passate. Da qui l’idea, poi lo studio del mercato e lo scouting: abbiamo incontrato oltre 400 partner e scelto gli 80 che saranno i primi a entrare nel club. 

Perché proprio a Torino?
Il Lingotto di Torino è un quartiere in grande fermento, siamo accanto al primo Eataly, il secondo per fatturato in Italia, e davanti al nuovo centro Lingotto. Torino è la capitale dell’innovazione, dell’automobile, della moda, della passata di pomodoro, della radio, della tv e del cinema. Perfino la borraccia, simbolo del green, è stata inventata a Torino! Sarà l’unico in Italia, mentre ne apriremo altri dieci all’estero nei prossimi dieci anni: Green Pea sarà l’hub mondiale dell’arredamento e della moda made in Italy, durevole e sostenibile. 

Cosa c’è di Eataly in Green Pea?
L’idea forte che sta alla base, il motto from duty to beauty , dal dovere alla bellezza. Fare la cosa giusta non è solo un dovere ma un piacere. E da oggi comportarsi con rispetto deve anche diventare “cool”: il “pisello verde” sarà un marchio su tutti i prodotti in vendita e diventerà il simbolo di un modo di porsi nei confronti dell’ambiente e della vita, un brand da mostrare con orgoglio sui vestiti, sull’auto che guidiamo e sui mobili di casa.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media