Due studi tedeschi provano a smentire i luoghi comuni sulle auto elettriche, le quali sarebbero per lo più delle auto molto costose e totalmente silenziose. Una recente analisi della rivista Auto Motor und Sport , in collaborazione con lo studio del Center of Automotive Research dell'Università di Duisburg-Essen hanno scoperto invece che il rumore prodotto dalle auto elettriche, non sarebbe molto inferiore rispetto al rumore prodotto da un'auto ad alimentazione termica.

L' altro studio effettuato è invece relativo ai costi, che già nel 2018 potrebbero essere allineati grazie ad un forte abbattimento del prezzo delle batterie. Ad oggi, nonostante il prezzo di gasolio e benzina siano soprattutto nel nostro Paese molto elevati, i costi di gestione di una vettura EV sono ancora maggiori. Le batterie incidono negativamente sulle spese. Mediamente, per il mantenimento di un’auto elettrica si spendono 603 euro al mese contro i 561 di una a benzina: il dato è calcolato su una percorrenza annuale di 15.000 chilometri e include anche la perdita di valore. La batteria incide da sola per 93 euro al mese, recuperati solo in parte grazie al minor costo del rifornimento. P3 prevede che nel 2018 il noleggio della batteria verrà più che dimezzato, 44 euro, e renderà quindi più conveniente l’auto a zero emissioni. In Italia forse addirittura prima, visto che il prezzo del carburante è più alto di almeno un paio di decimi di euro. Parlando invece di "rumorosità", nel 2011 il Car aveva stabilito che a velocità basse, sotto i 30 km/h, non era stata misurata alcuna differenza di inquinamento acustico fra le auto elettriche e quelle tradizionali. A velocità elevate invece, i rumori dovuti al rotolamento degli pneumatici e ai rumori ambientali, rendevano i due tipi di rumore pressoché identici. La ricerca riguardava 5 vetture elettriche e 6 con motori “convenzionali” e a testare le differenze tra i due tipi di rumore erano stati convocati 240 volontari in carne ed ossa. Fino a 30 km/h, il modello più silenzioso a benzina si era rivelato l' Opel Agila con 59 dB: solo due auto elettriche erano risultate leggermente più silenziose, mentre le altre tre perfino più “rumorose”. Tirando le somme, il risultato era l'opposto dell'immaginario e dello stereotipo che le auto elettriche si portano dietro. A velocità costante nel traffico cittadino, tra i due tipi di veicoli non esiste nessuna differenza abissale. Se poi piove o le strade sono bagnate, i margini sono praticamente impercettibili anche con la necessaria strumentazione. Con l’aggiunta dei sistemi stop&start, anche il problema della rumorosità alle soste è stata annullata. Il Car aveva quindi decretato la totale inutilità da parte dei costruttori di adottare sistemi acustici per avvisare della presenza di un'auto EV, in quanto, sempre secondo il Car la differenza sonora era praticamente la medesima. Auto Motor und Sport invece è giunta ad una conclusione leggermente diversa. La testata dice: "Solo da ferme e a bassa velocità", le auto elettriche sono realmente più silenziose, infatti, già a a 80 km/h una Bmw i3 e la Bmw Serie 1 116d hanno quasi raggiunto lo stesso livello di emissioni acustiche, pari a 68 dB. Addirittura all'interno dell'abitacolo della Bmw I3, il rumore percepito è superiore rispetto a quello percepito in una normale auto a scoppio.