BusinessPeople

Italians do it… with cash

Italians do it… with cash Torna a obbligo pos sanzioni
Mercoledì, 13 Luglio 2022

Lo scorso 28 marzo la Banca d’Italia ha presentato il Report sulle abitudini di pagamento dei consumatori in Italia: evidenze dalle indagini Bce. Lo studio, scaricabile su www.bancaditalia.it, parte dai dati dell’indagine svolta nel 2019 dalla Banca centrale europea sulle abitudini di pagamento nell’area Euro, e aggiunge i risultati di quella condotta nel luglio 2020 per misurare l’impatto della pandemia e stabilire un trend nelle abitudini degli italiani. Il documento evidenzia che, nonostante il suo utilizzo sia gradualmente diminuito nel tempo, il contante rimane ancora lo strumento di pagamento più utilizzato sul punto di vendita fisico. Le carte sono lo strumento alternativo principale, anche per pagamenti da remoto e bollette.

Sostanziale la distinzione fra chi utilizza più facilmente il contante e chi le alternative digitali: il contante è più usato al Centro-Sud e viene preferito da donne, giovani, lavoratori autonomi, studenti e disoccupati, e in genere da persone con reddito basso. Le alternative digitali, carte in primis, vengono utilizzate maggiormente da individui con livelli di istruzione elevati, persone con redditi medio-alti, impiegati e pensionati.

La pandemia ha sostanzialmente accelerato le tendenze già in atto dal 2016. Il pagamento con strumenti elettronici, carte in testa, viene preferito quando il cliente ha possibilità di scegliere come pagare senza alcuna limitazione, anche se la maggior parte degli intervistati continua a pensare che il contante sia ancora importante o molto importante. Più di una transazione su tre si svolge cash solo perché è l’unica modalità supportata (ed è qui che, secondo il legislatore, dovrebbero intervenire le sanzioni). Altri tipi di transazioni, come il conto al ristorante, vedono ormai un utilizzo molto limitato del contante, mentre i pagamenti da remoto sono il regno di carte e Paypal. Sistemi di pagamento più innovativi, come quello attraverso smartphone, non sono ancora molto popolari in Italia, fatta eccezione per i siti di e-commerce.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media