Con la liberazione del contractor americano Alan Gross si apre una nuova fare dei rapporti tra Usa e Cuba. In cambio il governo statunitense ha liberato per motivi umanitari tre agenti cubani.

Ma non finisce qui: gli Stati Uniti dovrebbero annunciare la rimozione delle restrizioni ai viaggi e al trasferimento di denaro con Cuba e L'Avana dovrebbe presto aprire una sede diplomatica a Washington. Si va verso la normalizzazione dei rapporti diplomatici tra questi due Paesi.

Collaboratore di Usaid, l'agenzia americana per lo sviluppo internazionale che fa parte del Dipartimento di Stato, Gross era stato arrestato nel 2009 mentre distribuiva materiale elettronico alla comunità ebrea all'Avana e condannato a 15 anni di prigione per spionaggio.

L'accordo per il rilascio, con la collaborazione del Vaticano, è stato raggiunto dopo oltre un anno di trattative segrete svelate solo pochi giorni fa da Barack Obama e sono state accelerate dal peggioramento dello stato di salute del 65enne prigioniero, diabetico e cieco da un occhio.