BusinessPeople

Un assaggio di ciò che verrà

Un assaggio di ciò che verrà Torna a Shopping prove tecniche di futuro
Venerdì, 10 Giugno 2022

Cinque anticipazioni di oggi che lasciano intravedere le esperienze di domani

  1. SELFRIDGES e il supershopping
    Selfridges-Superself
    Pensa positivo (e metti mano al portafoglio). Per far tornare i clienti nei negozi, ormai ci si inventa di tutto, soprattutto in uno dei templi mondiali dello shopping come Londra. Dallo scorso febbraio, la nota catena di grandi magazzini Selfridges ha inaugurato Superself, una serie di iniziative basate sull’intrattenimento, volte a coccolare i visitatori e a invogliarli allo shopping. Un vero e proprio viaggio per aiutare la riscoperta di se stessi dopo questi due anni terribili di pandemia, all’insegna della cura della propria persona, ma anche di un rinnovo interiore. Per questo, fra le attività previste dal programma, ci sono servizi di coaching, playlist di musica positiva oltre ovviamente a viaggi sensoriali volti a riprendere il controllo della propria vita e del proprio aspetto. 
  2. ZLIIDE: anche il commesso è digitale
    Zliide
    Ha le sembianze di un antitaccheggio, in realtà è quasi un personal shopper. Lo ha inventato Zliide, la cui missione sembra proprio quella di semplificare al massimo i processi di acquisto in negozio. Basta avvicinare lo smartphone al dispositivo agganciato al prodotto in negozio e ricevere tutte le informazioni del caso; se ti piace, lo compri e te lo porti via dopo averlo pagato con piattaforme tipo Apple Pay. E se ci devi pensare ancora un po’, sempre Zliide terrà in memoria quel determinato capo che ci piaceva tanto e ci aiuterà ad acquistarlo sul web. Il sistema è già utilizzato con successo in Danimarca da due grosse catene internazionali: i commessi non scompaiono, semplicemente si concentrano sulle persone che hanno bisogno di assistenza extra.
  3. PSYKHE, l’algoritmo per gli acquisti
    Vuoi fare shopping, ma non hai il tempo di scartare una serie di indumenti che non si addicono al tuo stile? Ci pensa l’algoritmo di Psykhe, piattaforma in grado di selezionare i capi in base alla tua personalità. Utilizzarlo è facilissimo. Basta fare un test di ingresso attraverso il quale il software intuisce quali possano essere le tue preferenze. L’algoritmo, astutamente, si perfeziona man mano che si utilizza la piattaforma, attraverso i punteggi assegnati agli articoli proposti e alle liste desideri. Ma Psykhe permette anche di fare shopping a seconda del proprio stato d’umore e in base all’occasione per la quale serve quel determinato capo o accessorio. Così, chi ha prenotato una vacanza last minute ma non ha il copricostume o chi ha ricevuto un invito importante e vuole indossare qualcosa di speciale sarà sicuro di trovare il meglio con il minimo sforzo.
  4. Camerino SNAPCHAT
    Vederci chiaro sullo shopping potrebbe diventare ancora più facile. Tutto merito delle lenti virtuali messe a punto su Snapchat, che consentono alle aziende presenti sulla piattaforma di trasformare il loro catalogo di prodotti, rendendolo virtualmente indossabile dagli utenti. Per farlo, basta utilizzare queste “lenti dematerializzate” ed è possibile vedere come sta un paio di occhiali, un rossetto, un cappello. Chi utilizza queste lenti può ricevere anche una serie di informazioni come il prezzo, le varianti disponibili e la reperibilità dei prodotti. Un vantaggio anche per i retailer digitali. Con la possibilità di provare capi e accessori, i resi diminuiscono sensibilmente.
  5. Con OTTONOMY la consegna la fa il robot
    Ottonomy-delivery
    Presentata all’ultimo Ces di Las Vegas, Ottobots di Ottonomy è una flotta di robot pensata per chi si occupa di ristorazione e vendita al dettaglio ed è in grado di consegnare la merce in completa autonomia non solo in ambienti esterni come aeroporti e centri commerciali, ma anche in ambienti esterni. Il che vuol dire che potrebbe presto sostituire il “contributo umano” almeno nelle cosiddette consegne dell’ultimo miglio. A dicembre 2021 il fornitore di tecnologie per l’automazione dei ristoranti ha già annunciato che gli ospiti dei locali suoi partner potranno fasti consegnare il cibo proprio tramite i robot Ottonomy. I rider sono avvisati.
POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media