© Business People

I big data al servizio dei campioni di oggi e di domani: questo è stato fino a oggi il Milan Lab, la struttura sanitaria del Milan nata oltre dieci anni fa dall'intuizione di Jean Pierre Meersseman. Pensato per curare i muscoli dei campioni rossoneri, dopo anni conditi da qualche polemica di troppo ha virato verso lo studio e lo sviluppo dei calciatori delle giovanili rossonere attraverso lo studio dei dati fisici in allenamento e in partita attraverso gps e analisi approfondite. Il tutto grazie all'analisi dei big data raccontata al Sas Forum da due speech di esponenti della società che hanno raccontato l'esperienza del Milan con i big data, non solo sotto l'aspetto sanitario ma anche per quanto riguarda la gestione di tifosi e spettatori allo stadio.

Il prossimo passo porterà invece Milan Lab all'apertura al pubblico: tutto il primo piano di Casa Milan diventerà infatti un laboratorio per privati e aziende dove studiare la salute e la forma fisica, creare percorsi personalizzati, imparare a gestire lo stress e massimizzare la performance, oltre allo sviluppo di app pensate per i wereable device.