Arkadij Rotenberg

© Getty Images

Ammonta a circa 30 milioni di euro il valore dei beni italiani congelati all’oligarca russo Arkadij Rotenberg, noto per essere compagno di judo del presidente russo, ma anche per essere a capo con il fratello Boris di un vero e proprio impero economico e per essersi aggiudicato diversi appalti in occasione delle Olimpiadi di Sochi del febbraio scorso.

In Italia Rotenberg risulta aver acquistato attraverso le aziende che possiede all’estero diversi immobili, tra cui una villa a Villasimius e una a Tarquinia e un albergo di lusso, il Berg Luxury, in pieno centro a Roma.

Ieri il Nucleo valutario della Guardia di Finanza ha apposto i sigilli su tutte le proprietà italiane e ha anche provveduto al congelamento delle quote societarie e dei conti correnti che fanno capo all’oligarca russo. Il provvedimento, il primo del suo genere in Italia, dà esecuzione alle sanzioni introdotte dalla Ue a carico di cittadini russi particolarmente vicini a Vladimir Putin.