Una direttiva del 1 luglio 2014 dice che saranno necessari dei controlli sulla qualità del sonno per potere rilasciare e confermare le patenti di guida. La vicenda è seria, in quanto, un cattivo riposo notturno è alla base dei colpi di sonno diurni. Il Parlamento Italiano dovrà recepire e approvare la direttiva entro la fine del 2015 e, una volta entrata in vigore, controlli medici più approfonditi sull'idoneità psicofisica diverranno obbligatori per tutti. Esistono ovviamente esami accurati, approfonditi e attendibilissimi, che però rappresenterebbero un costo non indifferente per la Sanità Pubblica. Oltre a un grave problema di costo pensate le code infinite per dover fare questi esami; ciò vuol dire che prima di riuscire ad avere la patente o il rinnovo potrebbero passare mesi. Il problema del sonno è molto diffuso quanto grave. Il costante diturbo del sonno è pericoloso per la salute: tra le altre patologie può portare a obesità, infarto cardiaco, ictus, fibrillazione atriale, sindrome metabolica, disturbi cognitivi e diabete. Senza contare l'effetto immediato della sonnolenza del giorno dopo, il pericolo più grande per chi si mette al volante.Ecco perché il fatto che il rilascio/rinnovo della patente di guida dipenda anche dalla ricerca dei principali sintomi e delle più frequenti patologie associate ai disturbi del sonno è un passo avanti per la sicurezza stradale. Nella speranza che si trovi presto come mettere in pratica i buoni propositi.