Da oggi i componenti di un condominio, a determinate condizioni, potranno staccarsi dal riscaldamento centralizzato senza l’autorizzazione dell’assemblea, inoltre il regolamento interno non può vietare la presenza di animali domestici; non solo: scatta l’obbligo di far transitare tutte le somme di denaro su un conto corrente intestato al condominio. Sono alcune delle novità introdotte dalla legge dell’11 dicembre 2012, n. 220 recante Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso dicembre e in vigore dal 18 giugno.
Le novità introdotte, come si sottolinea in un servizio del Tg5 che riassume le novità principali della legge (qui il testo completo) riguardano 30 milioni di italiani. La novità maggiore riguarda la figura dell’amministratore di condominio, che dovrà avere competenze specificate e seguire regole più stringenti per bilanci e contabilità. Scatterà, inoltre, l’obbligo del registro dell’anagrafe condominiale con tutti i dati dei proprietari e i dati relativi alla sicurezza dell’edificio.

SANZIONI. Chi non rispetterà i regolamenti condominiali potrà essere sottoposto a una sanzione da 200 a 800 euro; tempi duri, poi, per i morosi. L’amministratore dovrà comunicarne i nominativi ai creditori e in caso di ritardato pagamento oltre i sei mesi, scatterà automaticamente l’obbligo di decreto ingiuntivo per recuperare le somme dovute.