©Nasa

La cometa Lovejoy ripresa dalla Stazione Spaziale Internazionale

«È la cosa più sorprendente che io abbia mai visto nello Spazio». Il comandante Dan Burbank non ha dubbi. Lovejoy, la piccola cometa (200 metri di diametro) apparsa davanti agli astronauti delle Stazione Spaziale Internazionale nella notte tra il 21 e il 22 dicembre, ha regalato uno spettacolo magico. Sarà la vicinanza del Natale, sarà che la cometa è misteriosamente sopravvissuta all’incontro con il Sole, ma le immagini, riprese dalla Cupola, la grande finestra-osservatorio della ISS, mentre questa orbitava a circa 400 chilometri dalla superficie del nostro pianeta, hanno lasciato il segno. «Stavamo volando sulla Tasmania e avevamo appena osservato la tempesta che nel Sud del Pacifico ha colpito le Filippine. Era notte e i lampi riempivano tutto il cielo – ha raccontato Burbank. Poco prima che sorgesse il Sole l’orizzonte della Terra ha cominciato a illuminarsi, colorandosi di blu e porpora e in quel momento è comparso un lungo arco verde che si estendeva per circa 10 gradi dall’orizzonte».