© TyssenKrupp

TyssenKrupp Elevator mette in campo la rivoluzione dell’ascensore: la nuova creatura si chiama Multi, e l’idea potrebbe modificare per sempre il modo di pensare e costruire i palazzi che sviluppano le nostre città.

RIVOLUZIONE MULTI. Presentato a Gijon, in Spagna, il modello in scala di Multi disegna un ascensore che non solo è in grado di ascendere, appunto, ma può muoversi anche in orizzontale. Il prototipo si caratterizza in articolare per l’innovativo sistema che permetterà di far circolare più cabine all’interno del medesimo vano, grazie a un motore a levitazione magnetica che permetterà di evitare l’utilizzo dei cavi, aumentando così del 50% la capacità di trasporto di Multi rispetto agli impianti tradizionali. In questo modo, l’impianto potrà adattarsi alle più disparate esigenze di movimento delle persone, e assecondare l’estro architettonico che caratterizzerà le costruzioni del futuro.

SVILUPPO VERTICALE. Quella che TyssenKrupp ha raccolto è una sfida non da poco, dato che oltre la metà della popolazione mondiale già vive nei centri urbani: nel 2050, la quota potrebbe arrivare ai due terzi. Lo spostamento delle persone nelle città sta stimolando l’architettura, che si sviluppa sempre più in verticale, data la scarsità del suolo rimasto a disposizione. La rivoluzione Multi, lungi dall’essere “solo” un notevole progresso tecnologico, è il primo passo verso un nuovo modo di vivere la città e, soprattutto, di scorgerne i connotati futuri.