Mondiali 2018, a Zurigo la scelta del paese ospitante

A Zurigo i 22 delegati Fifa sono già riuniti. La decisione da prendere è di quelle importanti, si scelgono i paesi che ospiteranno i Mondiale del 2018 e del 2022. C’è in gioco blasone, visibilità internazionale e soldi.
Se per il 2014 tutto è già deciso da tempo – sarà il Brasile lo stato ospitante – per le edizioni che si terranno tra 8 e 12 anni la decisione è imminente. L’annuncio ufficiale è, infatti, previsto per le ore 16.00.
Nove le candidature totali. Per il 2018 in lizza: Inghilterra, Russia e le coppie Olanda-Belgio e Spagna-Portogallo. Australia, Giappone, Qatar, Corea del Sud e Stati Uniti sono, invece, in competizione per il 2022.
In Russia sembrano già certi della vittoria. Se il quotidiano Izvestia si sbilancia, riportando anche tutti i dettagli del voto (che ancora non è avvenuto), gli altri organi di stampa si dichiarano ottimisti e danno visibilità alla campagna pro candidatura russa. Nel video, presentato ai candidati, il sogno di Sasha. Il bambino, appassionato di calcio come tutti i suoi coetanei, immagina di giocare la finale dei Mondiali contro l’Italia e di far gol a Gigi Buffon.
Se la Russia si affida a Sasha, il bimbo dello spot, l’Inghilterra ha un testimonial d’eccezione: il principe William: “Il football è lo sport nazionale per l’Inghilterra, ha avuto la forza di unire le anime del nostro paese Io amo il calcio, noi amiamo il calcio, l’Inghilterra ama il calcio”.