Miss Italia lascia Salsomaggiore Terme. Le finali del concorso di bellezza più famoso, e longevo d’Italia, non si terranno più nella cittadina termale, almeno non nei prossimi due anni. La collaborazione si sospende di «comune accordo» in quanto non sussistono più le condizioni finanziare per proseguire nella convenzione che prevedeva lo svolgimento delle finali a Salsomaggiore Terme anche per le edizioni del 2011 e del 2012. Mancano i soldi, il Comune non dispone più di quei 600 mila euro che fino all’anno scorso ha fornito per la realizzazione della manifestazione. O meglio, dato il momento di crisi, la città preferisce utilizzare i propri fondi per altro.

Come spiega la nota diramata dalla società d’Area di Salsomaggiore (quella che raccoglie Comune, Terme e associazioni imprenditoriale della città) e della Miren, società che gestisce il Concorso: «Il generale stato di crisi del Paese ed i tagli generalizzati dell’ultima Finanziaria che hanno impattato pesantemente sulle risorse economiche delle Pubbliche Amministrazioni, Regioni, Province e Comuni in particolare non consentono oggi di affrontare impegni di spesa ulteriori rispetto alle esigenze essenziali della pubblica amministrazione e pongono anche Salsomaggiore nella condizione di dover operare scelte, anche dolorose, per quanto riguarda l’allocazione dei pochi fondi disponibili». Così, prosegue la nota «con l’obiettivo di non creare difficoltà all’organizzazione di Miss Italia e alla stessa città di Salsomaggiore in una fase comunque delicata della stagione turistica/termale, si è responsabilmente concordato di sospendere la storica collaborazione tra Salsomaggiore e Miss Italia e di risolvere consensualmente la Convenzione».
Salsomaggiore mantiene una piccola opzione per il futuro: «Quando si saranno ristabilite migliori condizioni economiche - conclude infatti la nota - Salsomaggiore sarà la prima città ad essere interpellata per porre la propria candidatura affinché la collaborazione possa riprendere, opinione condivisa da Patrizia Mirigliani, che si è detta onorata del lungo sodalizio».

Adesso si apre il fronte della ricerca di una nuova sede per le finali di questo e del prossimo anno.