Mille Miglia © Pierpaolo Romano 2012

La corsa delle auto d’epoca sullo storico tragitto Brescia-Roma-Brescia, ma anche la gara dei capitani d’industria e dell’eleganza. La Mille Miglia 2012, al via giovedì 17 maggio alle 18.45 da Viale Venezia (Bs), rappresenta anche una gara di generazioni: in mezzo a piloti di tutte le età il più giovane è il siciliano Alessandro Aiello, di soli 22 anni e a bordo di una Fiat 1100 coupè Zagato del '54; il più anziano è una vecchia conoscenza per la Freccia Rossa, Stirling Moss.
Il pilota inglese, 82 anni, la Mille Miglia l’ha vissuta quando si correva davvero, tra il 1927 e il 1957; nel 1955, insieme a Denis Jenkinson, vinse a bordo di una Mercedes-Benz 300 SLR spyder stabilendo un record di percorrenza rimasto imbattuto (1.600 km alla media di 160 all’ora su strade aperte al traffico e non certo ben asfaltate). Nato come collaudatore della Jaguar, Stirling torna al volante della C-type equipaggiata con il primo sistema di freni a disco e con la quale gareggiò alla Mille Miglia del 1952. Al suo fianco ci sarà Norman Dewis, all'epoca ingegnere capo di Jaguar.
Ma la Mille Miglia non è più una solo una gara automobilistica, ma anche di stile: il premio Gentlemen Drivers è dedicato all'eleganza stilistica degli equipaggi indetto dalla casa di moda fiorentina Stefano Ricci. L'anno scorso il premio è stato attribuito all'equipaggio dei Vigili del fuoco su Alfa Romeo 6C 2500 S, l’equipaggio aveva indossato le divise precedenti alla seconda guerra mondiale.

Piloti capitani d’azienda. Protagonisti della corsa saranno anche alcuni dei n. 1 delle case automobilistiche europee. Per l’Italia partecipa John Elkann, presidente Fiat Group, al fianco della moglie Lavinia Borromeo. Per la Germania in gara Dieter Zetsche (a capo di Mercedes-Benz Cars e chairman board del management di Daimler AG), Matthias Muller (Ceo di Porsche AG) e Franz Jung (ad Bmw Italia); l'Inghilterra si affida ad Adrian Hallmark (brand director di Jaguar Cars Limited).
Altri nomi di spicco della corsa sono quelli di Wolfgang Egger (head designer di Audi AG), Fabrizio Giugiaro (co-chairman e styling director di Italdesign Giugiaro), Andrea Zagato (presidente di Zagato) e Alberto Bombassei (presidente Brembo).