Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha emanato oggi il decreto Salva Italia. Quarantanove articoli per 156 pagine complessive recanti “disposizioni urgenti per la crescita, l’equità ed il consolidamento dei conti pubblici”. Nel decreto approvato la scorsa domenica dal Consiglio dei ministri presieduto da Mario Monti le nuove misure per le pensioni, la tassazione della casa e di beni di lusso come auto potenti, barche e aerei, l’aumento di due punti dell'Iva. Fra le misure anche una che scatta da subito: l’aumento delle accise sui carburanti: +8,2 cent al litro per la benzina e +11,2 cent per il diesel. Le nuove accise:

a) benzina e benzina con piombo: euro 704,20 per mille litri;
b) gasolio usato come carburante: euro 593,20 per mille litri;
c) gas di petrolio liquefatti usati come carburante: euro 267,77 per mille chilogrammi;
d) gas naturale per autotrazione: euro 0,00331per metro cubo.

Quanto all’effetto sui prezzi alla pompa (per calcolare il quale bisogna aggiungere all'accisa l’Iva del 21%) per la benzina sarà di 9,9 centesimi al litro, per il gasolio di 13,6 centesimi al litro, per il Gpl di 2,6 centesimi al litro. Non solo, nuovi aumenti sono già stati fissati a decorrere dal 1° gennaio 2013.