La crisi non ha scalfito l’economia delle mafie. Nel 2009 hanno raggiunto un fatturato di circa 135 miliardi di euro e un utile che sfiora i 70 miliardi al netto di investimenti e accantonamenti, stazionario rispetto al 2008. Il fatturato, invece, nel 2008 era di circa 130 miliardi di euro. È la denuncia di SoS impresa e il risultato di 1300 reati al giorno, 50 all’ora, quasi uno al minuto.Le organizzazioni analizzate sono cinque: Cosa nostra, ‘Ndrangheta, Camorra, Sacra corona unita, e i Basilischi della Lucania. I settori più coinvolti sono l’edilizia, il commercio e il turismo con particolare riguardo ai franchising e alla media e grande distribuzione, il settore dei giochi e delle scommesse e l’industria del divertimento. La diffusione geografica è capillare su tutto il territorio nazionale, soprattutto al Sud, ma in crescita al Centro-Nord. L’usura in particolare ha raggiunto un giro d’affari di circa 20 miliardi di euro e colpito oltre 200 mila imprenditori.