Lo stipendio di deputati e senatori

© istockPhoto

Cinque deputati hanno preso il bonus di 600 euro per le partite Iva nato per fronteggiare la crisi da coronavirus, ma quanto guadagnano? Prima i fatti. Domenica mattina un articolo di Repubblica  ha raccontato che cinque deputati italiani avevano chiesto e ottenuto il bonus da 600 euro al mese introdotto per aiutare i lavoratori con partita Iva durante la crisi per il coronavirus. I tre sarebbero della Lega, uno del Movimento 5 Stelle e uno di Italia Viva, ma l’Inps non ha diffuso i nomi.

I cinque sono stati attaccati sia dal governo che dall’opposizione e da più parti sono state chieste misure come la sospensione o le dimissioni. E’ evidente che si tratti di un comportamento da condannare. Ma, giusto per farsi un’idea, sapete quanto guadagna un parlamentare in Italia?

Lo stipendio di deputati e senatori

Un parlamentare italiano può arrivare a guadagnare oltre 17.625 euro euro lordi al mese se è senatore e o 18.735 euro lordi se è deputato. Come? I deputati prendono un’indennità lorda di 10.435 euro e i senatori 10.385 euro lordi: più degli 8.757 euro di un parlamentare europeo, giusto per fare un paragone. Ma l’indennità, anche se parliamo della principale, è solo una voce dello stipendio dei parlamentari. Come si vede nel grafico in alto, se ne devono aggiungere altre, a partire dalla diaria fino ai vari rimborsi (alcuni, bisogna dirlo, includono le somme riservate ai collaboratori), per arrivare oltre a 17mila euro lordi.

Quanto guadagna un parlamentare?

Si potrebbe dire che un deputato può prendere 12.439 euro netti e un senatore 12.544 euro. Ma, per fare chiarezza, vediamo voce per voce. Partiamo dalla principale, l’indennità. Dal gennaio 2012 l’indennità parlamentare netta per i deputati è di 5.246,54 euro e 5.304,89 per i senatori. Da qui, però, si sottraggono le addizionali regionali e comunali. E variano, ovviamente, in base al domicilio fiscale del deputato.

Ma si potrebbe dire che in media il netto è intorno ai 5mila euro mensili. Sì, perché il lordo è di 10.435 euro e da qui si devono togliere le ritenute previdenziali (pensione e assegno di fine mandato), assistenziali (assistenza sanitaria integrativa) e fiscali (Irpef e addizionali regionali e comunali). Invece, per i deputati che svolgono un’altra attività lavorativa, l’importo netto dell’indennità ammonta a circa 4.750 euro. I senatori che lavorano passano, invece, da 10.385,31 euro a 10.064,77 euro .

La diaria

La prima voce dello stipendio di un parlamentare da aggiungere all’indennità è la diaria. Viene riconosciuta, a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma, ed è pari a 3.503,11 euro al mese. Vengono, però, decurtati 206 euro per ogni giorni d’assenza del deputato. Ecco, ma che cosa è un’assenza? Se un deputato partecipa ad almeno il 30% delle votazioni di una giornata è considerato presente.

Alla Camera si applica inoltre un’ulteriore decurtazione, fino a 500 euro mensili, in relazione alla percentuale di assenze dalle sedute delle giunte, delle commissioni permanenti e speciali, del comitato per la legislazione, delle commissioni bicamerali e d’inchiesta e delle delegazioni parlamentari presso le assemblee internazionali.

Anche i senatori prendono una diaria. Dal 2001 al 2010 hanno preso ben 4.003 euro di diaria. La somma, poi, è stata ridotta a 3.500 euro a a partire dal gennaio 2011. Anche in questo caso sono previste “penalizzazioni” per le assenze. E anche in questo caso per diventare “assenti” si deve mancare al più del 70% delle votazioni della giornata.

Rimborso delle spese per l’esercizio del mandato

I deputati prendono anche un “rimborso delle spese per l’esercizio del mandato” che ha sostituito il cosiddetto contributo per le spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori. Parliamo, nella sostanza, di 3.690 euro (dopo la riduzione di 500 euro del luglio 2010). Questo rimborso viene dato con due modalità. Una parte, che non deve superare la metà del totale, viene dato per spese specifiche: collaboratori, consulenze, gestione dell’ufficio. Il resto dell’importo viene dato forfettariamente.

Anche i senatori hanno un rimborso delle spese per l’esercizio del mandato. Ha sostituito, a partire dal mese di marzo 2012, il preesistente “contributo per il supporto dell’attività dei Senatori”, che era un rimborso spese interamente forfetario. L’importo complessivo, rimasto invariato, si divide in una quota mensile di euro 2.090 – sottoposta a rendicontazione quadrimestrale – e in una ulteriore quota di 2.090 euro mensili erogata forfettariamente. Nell'esercizio del mandato vanno considerati non solo gli atti e gli adempimenti direttamente collegati alle funzioni svolte nella sede del Senato e nella circoscrizione elettorale, ma anche “tutte le iniziative politiche, sociali, culturali che il senatore assume quale rappresentante della Nazione”, si legge sul sito del Senato.

Spese di trasporto e spese di viaggio

I deputati usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Per i trasferimenti dal luogo di residenza all’aeroporto più vicino e tra l’aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l’aeroporto più vicino al luogo di residenza, e a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km. Il grafico in alto indica come cifra mensile 1.107 euro dividendo per 3 il rimborso minimo trimestrale. Per i senatori è previsto un rimborso forfetario mensile che sostituisce quelli dei deputati per spese di viaggio e telefono. I senatori prendono così 1.650.

Spese telefoniche

I deputati hanno a disposizione una somma annua di 1.200 euro per le spese telefoniche. La Camera non fornisce ai deputati telefoni cellulari. Fino al 2014 il rimborso per le spese telefoniche arrivava addirittura a 3.098,74 euro

Assistenza sanitaria

Il deputato versa mensilmente, in un apposito fondo, una quota della propria indennità lorda, pari a 526,66 euro, destinata al sistema di assistenza sanitaria integrativa che eroga rimborsi secondo quanto previsto da un tariffario.

Il Senato, invece, ha un Fondo di solidarietà che eroga un rimborso parziale di determinate spese sanitarie sostenute dagli iscritti. L’iscrizione è obbligatoria per i senatori in carica, che versano un contributo pari al 4,5% dell’indennità lorda. E’ facoltativa, invece, per i titolari di pensione, il cui contributo è pari al 4,7% dell’importo lordo del proprio assegno. Con il versamento di quote aggiuntive è possibile l’iscrizione dei familiari.

Assegno di fine mandato

Il deputato versa mensilmente, in un apposito fondo, una quota della propria indennità lorda, pari a 784,14 euro. Al termine del mandato parlamentare, il deputato riceve l’assegno di fine mandato, che è pari all’80 per cento dell’importo mensile lordo dell’indennità, per ogni anno di mandato effettivo (o frazione non inferiore ai sei mesi).

Al termine del mandato parlamentare, il senatore riceve dal Fondo di solidarietà fra i senatori l’assegno di fine mandato, che è pari all’80 per cento dell’importo mensile lordo dell’indennità, moltiplicato per il numero degli anni di mandato effettivo. Tale assegno viene erogato sulla base di contributi interamente a carico dei Senatori, cui è trattenuto mensilmente il 6,7 per cento dell’indennità lorda.

Fonte: Camera dei Deputati, Senato 

I dati si riferiscono al: 2019

In collaborazione con truenumbers.it