© IstockPhoto.com/-Oxford-

Se siete soliti fare acquisti digitali su iTunes, Amazon o quant’altro, è meglio che sappiate fin d’ora che, stando alla normativa attuale, voi potrete utilizzare quei file tutte le volte che volete ma, dopo la vostra morte, non potrete lasciarli in eredità ai vostri parenti o amici. Se di Cd, Dvd e libri si acquista infatti la copia fisica e se ne diventa proprietari a tutti gli effetti, i download di musica digitale prevedono solo una licenza d’uso personale, che scade alla morte dell’acquirente.
È espresso chiaramente nei termini di servizio dello shop online di Apple – qualora la società sospetti il decesso di un utente, può congelarne l’account per evitare che venga utilizzato dagli eredi – piuttosto che di Amazon, anche se rischia di passare inosservato. Gli store, in pratica, fungono “solo” da intermediari tra l’artista/editore e l’utente e forzare i termini di licenza, sottolinea The Guardian , equivale a un furto.

Articolo principale: Eredità digitale