© Brendan Smialowski/ Afp/ Getty Images

Un “mi piace” su Facebook può dire molto della nostra personalità, più di quanto potrebbero fare i nostri migliori amici: per ogni “like” sul social network vengono lasciate tracce digitali che aiutano i computer a ricostruire il nostro carattere. La notizia arriva da uno studio pubblicato su Pnas , organo ufficiale dell’United States National Academy of Sciences, che ha messo a confronto la capacità delle persone e dei computer di esprimere giudizi sulla personalità.

Lo studio, condotto dai ricercatori della Standford University e dell’Università di Cambridge, ha coinvolto 86.220 volontari che hanno compilato su Facebook un quiz sulla personalità con l’app myPersonality , rendendo accessibili i propri “like” al team scientifico. Mentre amici e familiari dei volontari descrivevano il carattere dei partecipanti un computer speciale, basandosi semplicemente sui “mi piace” degli utenti, ha svelato la personalità dei soggetti in modo più preciso.

Ad esempio, analizzando 10 “mi piace” il computer ha descritto il carattere di un soggetto meglio di un collega di lavoro, con 70 ha fatto meglio di un amico, con 150 ha superato anche l’analisi dei familiari, con 300 quella del coniuge.